The Sessions – Gli Incontri

Standard

Vi segnalo questo film come incipit di argomenti che verranno approfonditi in seguito cercando di evidenziare la necessità e le eventuali soluzioni già adottate in altri Paesi meno bigotti del nostro. Buona visione!

LA TRAMA

A 38 anni, Mark O’Brien (John Hawkes), un poeta e giornalista che ha trascorso parte della sua esistenza all’interno di un polmone d’acciaio a causa della poliomielite che lo ha reso tetraplegico, decide che è arrivato il momento di perdere la verginità e divenire uomo. Con l’aiuto del personale che provvede alla sua terapia e i consigli di padre Brendan (William H. Macy), entra in contatto con una professionista del sesso (Helen Hunt) la cui presenza e esperienza cambieranno per sempre il destino a cui Mark andrà incontro. 

LA VERGINITÀ DEL POETA MARK O’BRIEN

The Sessions racconta la vera storia del poeta e giornalista Mark O’Brien, che all’età di 38 anni si è proposto di perdere la verginità nonostante le circostanze piuttosto difficili in cui si trovava. Sopravvissuto a un attacco di poliomielite infantile, O’Brien ha trascorso una parte significativa della sua vita dentro ad un polmone d’acciaio, ad eccezione di un paio d’ore alla settimana di “libertà”. Chiunque nelle sue condizioni avrebbe ritenuto complicato anche solo immaginare di avere una storia d’amore ma Mark non si è demoralizzato. Con buona dose di fede, umorismo e ottimismo, si è mostrato più che determinato a provare tutte le gioie emotive e fisiche che la vita poteva offrirgli e che fino a quel momento gli erano state negate.Per realizzare il suo sogno, ha così preso la decisione coraggiosa di assumere una professionista, un surrogato del sesso che potesse dargli la possibilità di vivere l’intimità in maniera unica. è lo stesso Mark O’Brien a raccontare la sua esperienza nel 1990 in On Seeing a Sex Surrogate, un articolo pubblicato sulla rivista letteraria The Sun che ha rotto ogni tabù parlando pubblicamente di sesso e disabilità in modo onesto e spiritoso. A sentirsi particolarmente colpito dall’articolo di O’Brien è il regista Ben Lewin. Come lo scrittore, anche Lewin da bambino aveva contratto la poliomielite ma ciò non gli ha impedito di avere una vita normale, con una carriera di successo. Leggendo il pezzo su internet, Lewin si è subito reso conto che poteva essere lo spunto per la realizzazione di un film vedendovi non solo la storia di un uomo di mezza età che si approccia al sesso ma anche il delicato e umoristico ritratto di un uomo che fa i conti con il suo corpo, la sua virilità e tutto ciò che rende la vita degna di essere vissuta. Per il ruolo di O’Brien il regista ha voluto John Hawkes, affiancolo a Helen Hunt nei panni della “professionista” Cheryl Cohen-Green e a William H. Macy nella parte del sacerdote confessore-consigliere di Mark.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...