Malattie croniche: accordo tra Gemelli e Bambin Gesù per tutelare i pazienti che diventano adulti

Standard

Roma – Garantire continuità assistenziale ai pazienti pediatrici affetti da malattie congenite o complesse quando diventano adulti. È lo scopo dell’accordo siglato pochi giorni fa tra l’Università Cattolica del Sacro Cuore-Policlinico “A. Gemelli” e l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. La convenzione riguarda la “transizione” dei pazienti affetti in particolare da patologie correlate alla cardiologia, alla fibrosi cistica, all’apparato urogenitale e all’endocrinologia, e prevede la creazione di percorsi clinico-assistenziali specifici attraverso l’interazione di professionisti dell’adulto con équipe di tipo pediatrico. Ai pazienti verranno offerti accompagnamento e cura in un ambiente più appropriato alla loro età.

Solo nel 2012 i pazienti maggiorenni seguiti dal Bambino Gesù sono stati oltre 5000, tra cui circa 2000 cardiopatici. Un numero pari al 10% del totale dei pazienti presi in carico dall’Ospedale pediatrico e destinato ad aumentare grazie ai progressi della ricerca e della medicina. Il 36% di questi pazienti ha già oggi più di 30 anni.  Il Policlinico Gemelli vanta dal canto suo una consolidata esperienza nella gestione del paziente adulto e delle patologie congenite o complesse insorte in età pediatrica. La convenzione mette dunque a sistema le competenze e le eccellenze di entrambi gli Ospedali.
“Tale innovativo accordo tra due importanti istituzioni sanitarie cattoliche ha un valore non solo assistenziale per il livello qualitativo delle prestazioni offerte, ma anche etico – dichiara il Direttore del Policlinico universitario A. Gemelli Maurizio Guizzardi -. Dare assistenza a persone fragili e alle loro famiglie, prendendole per mano e accompagnandole nel loro lungo percorso di cura, è segno tangibile di quella cultura della vita che ispira l’attività quotidiana di entrambi gli ospedali. È non è un accordo sporadico. La collaborazione tra Gemelli e Bambino Gesù sta già dando frutti preziosi come nel caso dell’attuazione dallo scorso luglio di un protocollo congiunto per l’attuazione di una complessa e multidisciplinare terapia intraparto denominato EXIT”.
“L’accordo per la presa in carico di pazienti cronici che diventano adulti – afferma il Presidente dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù Giuseppe Profiti – rappresenta una realtà innovativa per l’Italia e permetterà di valorizzare la collaborazione tra le due istituzioni come punto di riferimento e polo di eccellenza per questa popolazione di pazienti in costante crescita. Integrando i percorsi clinici del bambino e dell’adulto, la convenzione consentirà altresì di seguire con maggiore efficacia gli sviluppi della malattia aprendo prospettive importanti per la ricerca”.
Oltre all’assistenza, infatti, la collaborazione tra il Policlinico Gemelli ed il Bambino Gesù tocca anche gli ambiti della didattica e della ricerca. Verranno realizzate iniziative formative comuni (master, scuole di specializzazione, dottorati di ricerca) e iniziative di ricerca scientifica negli ambiti delle patologie congenite o complesse. L’accordo prevede inoltre lo svolgimento di sessioni periodiche e congiunte di discussione e programmazione sui casi clinici trattati; lo scambio di medici, docenti e ricercatori; lo scambio di documenti, pubblicazioni scientifiche e programmi di ricerca; l’organizzazione congiunta di seminari, colloqui, convegni e riunioni scientifiche; il coordinamento e la co-direzione dei programmi e delle ricerche scientifiche di interesse comune.
Spiega il dott. Armando Grossi, responsabile di Alta Specializzazione in Endocrinologia e referente del progetto per il Bambino Gesù: “Il mondo delle patologie croniche ad insorgenza nell’età pediatrica è estremamente complesso e variegato. In tale contesto si mostra una duplice esigenza: da un lato quella di migliorare la assistenza di tali pazienti in una nuova fase di vita, dall’altro quella della formazione di conoscenze medico-scientifiche orientate alla gestione di problematiche e sequele a lungo termine di patologie croniche pediatriche. L’aspetto della formazione del personale sanitario e della elaborazione di percorsi clinici riveste pertanto un ruolo di fondamentale e primaria importanza”.
Considera il Prof. Massimo Massetti, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Cardiochirurgia del Policlinico A. Gemelli: “Anche le patologie cardiovascolari di origine congenita necessitano, per un’ottimale continuità assistenziale, di una sinergia tra le strutture cardiologiche pediatriche e quelle per gli adulti. La medicina di eccellenza in questo ambito viene raggiunta unendo le competenze e le esperienze dei sanitari che lavorano nei rispettivi centri. Riunire tutto questo intorno a un percorso specifico dei pazienti affetti da cardiopatie congenite dell’adulto costituisce l’essenziale di questo ambizioso progetto, che colma un vuoto sanitario organizzativo e si posiziona come riferimento per i pazienti e le loro famiglie. Ambulatori per la diagnostica, riunioni multidisciplinari per decidere le differenti terapie e gli interventi chirurgici saranno gestiti in collaborazione con i sanitari delle due istituzioni. Oltre all’attività assistenziale verranno sviluppati programmi di ricerca clinica e attività didattiche per studenti, specializzandi e per il personale paramedico”.

(www.osservatoriomalattierare.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...