La Rai contro i lavoratori disabili

Standard

Una circolare Rai impone che tutti i contratti a tempo determinato siano di 6 mesi meno un giorno. Lo scopo? Tenere bassa la base degli occupati, per evitare assunzioni di disabili. La denuncia di Slc Cgil

  
cavallo rai

La Rai servizio pubblico, la Rai benpensante che non trasmetterà più Miss Italia per via delle ragazze mute e nude, questa stessa Rai si è appena inventata un meccanismo bizantino per evitare le assunzioni da collocamento obbligatorio, cioè quelle di persone con disabilità. Come? Facendo solo contratti a tempo determinato di sei mesi meno un giorno, così che il personale a tempo determinato non rientri nella base occupazionale e quindi si “tenga bassa” la cifra di partenza su cui si calcola poi il numero delle assunzioni da collocamento obbligatorio.

La denuncia arriva da Barbara Apuzzo, segretaria nazionale Slc Cgil: «Ci chiediamo e chiediamo all’azienda come si possa definire una circolare che, aggirando quanto previsto dalla legge per l’inserimento e l’integrazione lavorativa di persone disabili, in relazione alle indicazioni di formalizzazione dei contratti a tempo determinato del personale delle testate giornalistiche e delle reti televisive, impone che questi debbano essere stipulati per un periodo di sei mesi meno un giorno. Il motivo non riguarda, evidentemente, esigenze organizzative o produttive, ma cela l’obiettivo, tutt’altro che nobile, di non conteggiare il personale a tempo determinato nel calcolo della base occupazionale, così da non ampliare immotivatamente tale base di partenza per le assunzioni da collocamento obbligatorio». Apuzzo ritiene «intollerabile ed eticamente inaccettabile un comportamento simile» e chiede pertanto «l’immediato ritiro di questo e di tutti gli eventuali altri provvedimenti che ledono i diritti dei lavoratori, in particolare di coloro che sono portatori di disagi e fragilità».

Negli ultimi mesi si è parlato tanto di cosa significhi servizio pubblico e su quali requisiti debba confermare o conquistare la Rai per continuare ad essere concessionaria di servizio radiotelevisivo, riflette Apuzzo: «Noi crediamo che oltre a dover garantire la libertà, il pluralismo, l’obiettività, la completezza, l’imparzialità e la correttezza dell’informazione, favorire la crescita civile e il progresso sociale, promuovere la cultura, ci sia un altro requisito irrinunciabile: il principio di responsabilità etica nei confronti dei propri dipendenti, che non può esaurirsi con le affermazioni impeccabili presenti nel Codice Etico della Rai, ma che deve trovare quotidiana attuazione, a partire dal modo in cui si applicano le leggi per l’inserimento e l’integrazione lavorativa di persone disabili».

Franco Bomprezzi, giornalista che per sua stessa definizione «vive e lavora in sedia a rotelle», da poco presidente di Ledha, commenta così la notizia: «Anche questo è un esempio concreto di come si possano aggirare, eludere, irridere, le norme esistenti che dovrebbero favorire l’inclusione lavorativa delle persone con disabilità. D’altra parte in tutto il mondo dell’editoria l’inserimento di lavoratori disabili viene visto con grande diffidenza e spesso con aperto disagio, nella convinzione che si tratti di lavori, di mansioni, di competenze che mal si conciliano con un deficit fisico, sensoriale o intellettivo. E tutto questo avviene spesso nel silenzio, con decisioni prese senza alcuna consultazione e in questo caso senza neppure il rispetto per lo spirito del contratto di servizio della Rai. Mi auguro vivamente che questa denuncia che viene dal sindacato trovi una risposta immediata a tutti i livelli. Ed è importante che i sindacati prendano parte attiva in questa fase di crisi generale dell’occupazione».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...