PIANO D’AZIONE BIENNALE, ECCO IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Standard

Due ore di audizione per il viceministro Cecilia Guerra che in Commissione Affari sociali alla Camera fa il punto sull’attuazione del Piano d’azione biennale. Nel corso del 2014 disponibili i dati Istat sulla disabilità. In dirittura d’arrivo la nomina del nuovo Osservatorio. E sul nuovo Isee: “Coscienza tranquilla, favorisce i disabili”

Eppur si muove. Non è fermo al palo il Piano biennale sulla disabilità scritto dall’Osservatorio nazionale e adottato ufficialmente dal governo nei mesi scorsi. Certo, le tempistiche non sono immediate, ma la macchina è partita e i passi avanti si vedranno presto. Il viceministro al Lavoro e Politiche sociali, Maria Cecilia Guerra, ha illustrato in Commissione Affari sociali alla Camera lo stato dell’arte, prendendo spunto dai lavori dell’Osservatorio nazionale e da quelli della Conferenza nazionale sulle politiche della disabilità tenutasi a Bologna nel luglio scorso.
Nel corso di quasi due ore di audizione, Guerra ha affermato che nel corso del 2014 arriveranno finalmente dati precisi sulla disabilità, risultato della convenzione stipulata con l’Istat per ottenere un quadro preciso della situazione reale. Una criticità più volte messa in evidenza e che lo stesso Piano d’azione indicava come da superare: “C’è la necessità di lavorare con informazioni accurate perché in termini statistici si sa molto poco del mondo della disabilità”, ha detto Guerra, che ha anche anticipato uno dei dati emersi fino ad ora, e cioè la stretta correlazione esistente fra povertà e disabilità. Le famiglie con una persona disabile, cioè, sono maggiormente esposte alla povertà rispetto a quelle in cui non sono presenti membri con disabilità.Guerra ha ricordato che il Piano d’azione è andato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 28 dicembre e che è previsto a breve l’insediamento di un’apposita Commissione chiamata a monitorarne l’attuazione, in modo particolare facilitando e mettendo in rete le varie amministrazioni pubbliche chiamate, secondo le proprie competenze specifiche, ad azioni concrete per la sua attuazione.Passando in rassegna i vari punti del Piano, il viceministro ha esposto per ciascuno la situazione attuale: riguardo alla revisione dell’accertamento della disabilità Guerra ha affermato che non risulta ancora composta la divisione – già manifestatasi nel corso della Conferenza di Bologna – fra quanti ritengono che il soggetto istituzionale al quale va affidato tale compito debba continuare ad essere l’Inps o se invece esso debba andare in capo al sistema sanitario nazionale, integrato per gli aspetti sociali. “Anche fra le regioni – ha detto Guerra – su questo tema non si è ancora giunti ad una composizione: alcune propendono per una soluzione, altre optano per la seconda”. Certamente, ha continuato, sappiamo che “il ministero della Salute ha comunicato la volontà di procedere al più presto al confronto sulle tabelle sull’invalidità civile”: sul tema “si prevede un gruppo di lavoro ristretto per superare quelle difficoltà che erano state riscontrate nella precedente proposta che non era stata approvata”.Sul tema del lavoro Guerra ha sottolineato la necessità di superare “le difficoltà specifiche di applicazione della legge 68/99”, richiamando le questioni del rifinanziamento del Fondo per assunzioni disabili e delle quote di riserva della Pubblica Amministrazione. Sulla vita indipendente è stato sottolineato il lavoro di pubblicazione delle Linee guida con progetti sperimentali di vita indipendente che hanno interessato tutte le regioni italiane tranne la Calabria e la provincia di Bolzano. Spazio, nelle parole di Guerra, anche per l’importanza dell’aggiornamento del nomenclatore tariffario sugli ausili, per la necessità di una semplificazione dell’iter diagnostico ai fini scolastici per gli alunni con disabilità e per l’abbattimento delle barriere nell’accesso alla formazione (tema legato al Piano nazionale per gli alunni con disturbi specifici di apprendimento). Quanto alla salute, le direttrici principali sono quelle del sostegno a maternità e infanzia, presa in carico, integrazione sociosanitaria, partecipazione ai servizi. “L’Osservatorio ha concluso i suoi lavori nel mese di ottobre – ha affermato Guerra – e stiamo predisponendo la costituzione del nuovo Osservatorio con la nomina dei nuovi componenti: siamo in dirittura d’arrivo, manca solamente una designazione per avere il quadro completo”.
Rispondendo poi alle sollecitazioni di alcune parlamentari (Biondelli e Argentin del Pd, Binetti di Per l’Italia e Di Vita del M5S) Guerra è tornata anche sul tema del nuovo Isee: “Stiamo preparando un piano di comunicazione operativo per gli enti erogatori che dovranno rivedere, alla luce della nuova composizione dell’Isee, le tariffe e le soglie di accesso. Proprio facendo questo abbiamo fatto ulteriori verifiche con ulteriori banche date e posso dire in tranquillità di coscienza che la disabilità è stata al centro della nostra attenzione e che il nuovo Isee, rispetto a quello attuale, favorisce le persone disabili e le persone più povere”.
(superabile.it )

di Giovanni Cupidi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...