Lavoro e disabili, in vigore le modifiche del Jobs Act

Standard

Cambiano le norme per il diritto al lavoro delle persone disabili. Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale degli ultimi quattro decreti del Jobs Act, sono entrate in vigore da pochi giorni le novità in materia di collocamento mirato. Il decreto legislativo n. 151 del 14 settembre 2015 porta infatti con sé le modifiche di alcune parti della legge 68/99. Ora il principio base è la possibilità per le aziende private di assumere i lavoratori disabili mediante la richiesta nominativa, ma non di effettuare l’assunzione diretta (potranno essere assunti solo coloro inseriti nelle apposite liste di collocamento). Inoltre è stata introdotta la possibilità di computare, nella quota di riserva, i lavoratori già disabili prima dell’assunzione (con una riduzione della capacità professionale superiore al 60% o del 45% nel caso di persone con disabilità intellettiva e psichica) anche se non assunti attraverso il collocamento mirato. Ai datori di lavoro si permette poi di assumere in una loro unità produttiva un numero di aventi diritto al collocamento obbligatorio superiore a quello prescritto, portando le eccedenze a compenso del minor numero di lavoratori assunti in altre unità produttive della medesima regione. Il decreto rafforza infine gli incentivi per le aziende, con una durata più lunga in caso di assunzione di persone con disabilità intellettiva e psichica, e istituisce una “Banca dati del collocamento mirato” che raccoglie le informazioni concernenti i datori di lavoro pubblici e privati obbligati e i lavoratori interessati.

Più spazio alla chiamata nominativa

Ma la novità sostanziale è la scelta di puntare, per quanto riguarda le aziende private, sull’assunzione di lavoratori disabili iscritti nelle apposite liste di collocamento attraverso la chiamata nominativa per tutte le aziende sopra i 15 dipendenti, a discapito dell’assunzione a richiesta numerica. E se prima l’obbligo scattava solo in caso di nuove assunzioni, ora si impone al datore di lavoro di avere alle proprie dipendenze lavoratori disabili secondo le quote di categorie protette stabilite. Analoga disposizione viene applicata a partiti, sindacati e associazioni senza scopo di lucro. Per ogni persona un comitato tecnico annota, in un’apposita scheda, le capacità lavorative, le competenze, le inclinazioni, la natura, il grado di disabilità e analizza le caratteristiche dei posti da assegnare ai lavoratori disabili, favorendo l’incontro tra domanda e offerta. Non si tratta di un’assunzione diretta, ma la norma garantisce comunque la scelta della “persona giusta” nel “posto giusto”. La chiamata con avviso pubblico o con graduatoria limitata a coloro che aderiscono alla specifica occasione di lavoro resta comunque in vigore.

Più incentivi per chi assume

Altra novità è l’aumento di dieci punti percentuali degli incentivi. Le aziende potranno contare, per un periodo di 36 mesi, su un contributo pari al 70% della retribuzione mensile lorda per ogni lavoratore disabile assunto con contratto a tempo indeterminato che abbia una riduzione della capacità lavorativa superiore al 79%, o su un incentivo pari al 35% nel caso di riduzione della capacità lavorativa compresa tra il 67% e il 79%. Disposizioni più favorevoli nel caso di lavoratori con disabilità intellettiva e psichica: il contributo del 70% della retribuzione lorda durerà 60 mesi per ogni lavoratore il cui deficit cognitivo-relazionale comporti una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45% che venga assunto a tempo indeterminato o per un periodo non inferiore ai dodici mesi e per tutta la durata del contratto. Revisionata anche la procedura di concessione dell’incentivo per le assunzioni delle persone disabili, che ora prevede la corresponsione diretta e immediata del contributo da parte dell’Inps ai datori di lavoro mediante conguaglio nelle denunce contributive mensili.

Soddisfatte Fish, Uici e Cisl

Il decreto «è un traguardo importante, in funzione dell’aggiornamento di norme ormai datate e dell’adeguamento dei servizi di mediazione e di supporto all’inclusione lavorativa». Lo hanno affermato in una nota congiunta Vincenzo Falabella, presidente della Federazione italiana per il superamento dell’handicap, il numero uno dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti Mario Barbuto e Maurizio Bernava, segretario confederale Cisl. «Il testo è mirato a evitare le elusioni, a favorire l’ingresso e la permanenza al lavoro, a potenziare il ruolo di mediazione dei servizi per l’impiego, a garantire una più forte attenzione alle disabilità con maggiori compromissioni funzionali, in particolare di natura intellettiva e psichica, a prevedere un rafforzamento degli incentivi alle aziende. Ma è anche un punto di partenza: a partire da questa consapevolezza, continueremo a incalzare il Governo per l’attuazione di politiche attive che garantiscano l’innalzamento costante della soglia dei diritti per i lavoratori. Prossima tappa: la definizione condivisa delle nuove Linee guida per il collocamento mirato, previste proprio dal decreto appena approvato, con una prioritaria attenzione alla tutela delle persone con più gravi disabilità ancora troppo spesso discriminate nell’inclusione lavorativa».
(corriere.it)

Una carrozzina per Eva!

Standard

Mi è appena arrivata nella mia casella di posta elettronica una mail davvero agghiacciante nel 2015! Mi si chiede, e lo faccio nella speranza serva, di divulgare la lettera che “Eva” (preferisce essere menzionata così) ha scritto ad alcune testate giornalistiche raccontando la sua impellente necessità.
AD EVA SERVE UNA NUOVA CARROZZINA!
Come ben spiega lei nella lettera (che vi riporto qui di seguito con annesse foto) ormai il mezzo che le permette di essere più indipendente è irrimediabilmente danneggiato. Si è rivolta alle Istituzioni competenti e ha ricevuto solo porte in faccia.
È un suo diritto! È incredibile che ancora ci si debba scontrare contro muri di gomma per i propri basilari diritti!
Aiutiamo Eva, fate girare!
___________________

image

image

“Che la sanità a Ragusa non stia passando un momento felice è ormai noto, ma dover supplicare per un mio diritto mi sembra davvero troppo. Non ho santi in paradiso e le “raccomandazioni” non appartengono alla mia cultura. Mi chiamo “Eva” ho 26 anni e scrivo da Ragusa e voglio urlare pubblicamente la mia odissea che mi ha portata, come ultima chance, a rivolgermi a Voi della stampa.
A seguito di un incidente stradale ho subito una lesione spinale e adesso vivo da 7 lunghissimi anni sopra una sedia a rotelle. La stessa sedia che per sette anni mi ha accompagnata nel mio percorso. Adesso l’usura del tempo ha ridotto a brandelli quel che resta della carrozzina: le manopole si staccano ogni due tre, il cuscino su ci si appoggia è scoppio, lo schienale che mi sostiene è instabile, i braccioli sono pericolanti, le ruote sono totalmente squarciate e gli altri componenti della sedia sono precari. Senza la mia sedia a rotelle vivrei la mia vita su di un letto.
Due anni fa mi sono rivolta all’Azienda Sanitaria Provinciale seguendo il normale iter burocratico per la sostituzione e/o riparazione dei pezzi. Non ricevetti nessuna risposta e riparai la mia carrozzina con scotch ed altri materiali di fortuna. Tornai alla carica provando a far valere i miei diritti…e le mie speranze. Ripresentai la documentazione per farmi consegnare una sedia nuova di zecca richiesta, fra l’altro, dall’unità spinale del Cannizzaro di Catania !
Le risposte sono state brevi, sempre uguali, fredde, lavative, quasi inumane. “Non dipende da noi, c’è una lista da rispettare, abbiamo problemi di budget”.

image

image

Sono andata di persona all’Asp di Ragusa ma nessuno ha voluto ascoltare la mia richiesta ne tantomeno fornirmi delle risposte in merito alla mia condizione. Il silenzio delle Istituzioni, dalle quali vorrei sentirmi tutelata, mi preoccupa perché non ho più altre strade da percorrere. Ho bussato a qualsiasi porta, trovandola sempre chiusa. Adesso la mia sedia a rotelle è arrivata al capolinea e con essa anche la mia speranza di mettermi al pari con tutti gli altri.”