​Facebook e nuove tecnologie: la ricerca che sfida la disabilità

Standard


Scrivere con la mente e ascoltare con la pelle”  è lo slogan che Facebook ha lanciato in occasione dell’ultimo F8, la conferenza annuale per gli sviluppatori, durante la quale ha svelato le sue nuove ambizioni futuristiche. Con una certa dose di coraggio, infatti, il social più diffuso al mondo ha dichiarato che il proprio team di ricerca Building 8 è attualmente al lavoro per offrire in un futuro non troppo lontano tecnologie altamente innovative, che consentano alle persone di trasformare i propri pensieri in testo, senza l’utilizzo della voce e al tempo stesso di interpretare il linguaggio attraverso l’esperienza tattile.
L’obiettivo è quello di brevettare un dispositivo non invasivo, indossabile come un berretto o una fascia per capelli, e in grado di individuare quale attività del cervello decodificare e tradurre in testo, a una velocità di 100 parole al minuto, cinque volte superiore a quella in cui normalmente digitiamo sui nostri smartphone.
Ma l’innovazione che coinvolge precisamente il mondo dell’ipoacusia è che Building 8 sta costruendo prototipi hardware e software che permettono alla pelle di imitare la coclea nell’orecchio e trasformare il suono in frequenze specifiche da trasmettere al cervello. Questa tecnologia potrebbe far sì che le persone con un’ipoacusia elevata ascoltino essenzialmente senza utilizzare le orecchie. Nel corso della conferenza è stato mostrata in video una sperimentazione dell’ascolto attraverso la pelle, utilizzando un sistema di attuatori sintonizzati a 16 bande di frequenza capaci di tradurre parole e concetti attraverso stimoli cutanei. Il soggetto di prova sviluppava un vocabolario di nove parole che potevano essere sentite attraverso la pelle.

Le ripercussioni sulla comunicazione



È naturale che nell’epoca dell’iperconnessione dispositivi simili sarebbero in grado di rivoluzionare completamente il nostro modo di comunicare e avrebbero numerose implicazioni sul nostro modo di concepire la privacy. Tuttavia, il grosso vantaggio che essi potrebbero apportare riguarda soprattutto il tema dell’accessibilità. Grazie a uno strumento come quello che Facebook intende lanciare sul mercato, finalmente le persone con un deficit uditivo e visivo avrebbero la possibilità di interagire con i dispositivi digitali evitando le loro consuete difficoltà, incluse quelle uditive.
Il progetto, cominciato quasi nove mesi fa, ora si avvale della collaborazione dei più importanti istituti e delle maggiori università americane e include oltre 60 scienziati e ingegneri. Non si tratta semplicemente di sfidare i limiti della tecnologia per spingersi oltre; ma, nello specifico, realizzare questi dispositivi e riuscire a produrli e commercializzarli su larga scala vorrebbe dire rivoluzionare la comunicazione, potenziare i sensi e compensare i deficit percettivi delle persone, vincendo, in alcuni casi, la disabilità.
Non ci resta che stare a guardare, allora, e attendere che l’epocale invenzione di Mark Zuckerberg ci stupisca per l’ennesima volta.

(specialistidelludito.it)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...