“E-ROB”, IL PROGETTO DELLA STELLA MARIS DI PISA VINCE IL BANDO DELLA FONDAZIONE TELECOM ITALIA

Standard


Primo su oltre 300 concorrenti, introdurrà la Robotica Educativa nelle classi primarie pisane per potenziare l’apprendimento scolastico anche tra bambini con disabilità/BES



Introdurre e validare scientificamente gli effetti della Robotica Educativa nelle scuole primarie di Pisa. Si chiama  “e-Rob” ed è il progetto di e-learning per la Robotica Educativa, messo a punto dall’IRCCS Fondazione Stella Maris di Calambrone (Pisa), che la Fondazione Telecom Italia ha decretato essere il migliore fra le oltre 300 proposte pervenute, e ha pertanto deciso di finanziarne la realizzazione.

Principali obiettivi di “e-Rob” sono l’utilizzo delle nuove tecnologie e della robotica come mezzi efficaci per potenziare l’apprendimento scolastico e lo sviluppo cognitivo-relazionale nella scuola primaria e  lo sviluppo della didattica inclusiva dei bambini con disagio/disabilità, sfruttando la flessibilità dei sistemi tecnologici, oltre a dimostrare il valore e il ruolo educativo della robotica e dell’e-learning. L’innovatività del progetto consiste nella possibilità di  potenziare l’apprendimento scolastico e le abilità cognitivo-relazionali degli studenti attraverso attività di programmazione robotica in classe.

Il progetto, in collaborazione con la Fondazione Telecom Italia, è stato realizzato dal Laboratorio di Tecnologie Robotiche e Biomeccatroniche in Riabilitazione diretto dal professor Giovanni Cioni, Direttore Scientifico dell’ IRCCS Fondazione Stella Maris. Al progetto collabora il gruppo di ricerca di robotica educativa dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Sant’Anna, diretto dal Prof. Paolo Dario, per l’adattamento dei robot alle esigenze dei bambini e il Comune di Pisa, che contribuirà alla pianificazione progettuale operativa al fine di favorire il buon andamento del progetto e dei suoi obiettivi.  Il Comune di Pisa inoltre ne seguirà tutto il percorso attraverso il settore delle politiche educative scolastiche, attento all’innovazione dei processi di apprendimento e dello sviluppo della ricerca didattica.

“e-Rob” sarà introdotta nell’attività didattica delle classi prime e seconde delle scuole primarie che verranno selezionate. In particolare per tre mesi verranno coinvolti 200 bambini con sviluppo tipico e 20 con disabilità/BES.  “Durante questo periodo”- spiega Giuseppina Sgandurra, neuropsichiatra infantile della Fondazione Stella Maris – “con “e-Rob” realizzeremo attività a complessità crescente per promuovere l’attenzione, la pianificazione di compiti, il ragionamento logico e induttivo e le abilità relazionali. Inoltre per promuoverne la reale inclusione adatteremo “e-Rob” e i robot per favorire l’apprendimento dei bambini con disabilità/BES. Come abbiamo evidenziato durante la progettazione, la piattaforma può essere considerata un valido strumento di allenamento all’apprendimento nei suoi meccanismi più generali, quindi ben oltre le strumentalità di base delle competenze matematiche o tecnologiche legate all’utilizzo dei robot-gioco”.

Nelle fasi che hanno preceduto l’avvio del progetto, “e-Rob” è stato messo a punto coinvolgendo per cinque settimane due gruppi di bambini di 5-6 anni, delle ultime classi della materne della scuola Haring di Pisa, innovativa realtà che da due anni ha fatto proprio questo percorso. I piccoli sono stati valutati prima e dopo l’attività di Robotica Educativa. Allo scopo è stato utilizzato Bee-Bot, una simpatica ape-robot: un robot dall’aspetto amichevole pensato per il primo approccio dei piccoli studenti alla robotica. Bee possiede dei comandi sul dorso (avanti, indietro, svolta a sinistra e a destra) che gli consentono di muoversi su un percorso ed è in grado di memorizzare fino a 40 comandi.

“Così come avviene nel gioco” – prosegue la dr.ssa Sgandurra – “abbiamo chiesto ai piccoli di pianificare e programmare il percorso della piccola ape affinché potesse, ad esempio, raggiungere degli amici portando delle lettere di invito per il compleanno, prestando attenzione agli ostacoli! I bambini hanno subito risposto positivamente alle attività proposte, programmando, memorizzando e visualizzando l’itinerario di Bee e cooperando tra loro”.

Questa prima esperienza-pilota ha permesso di valutare come il progetto consenta, nei bambini che hanno beneficiato di questa attività, lo sviluppo di funzioni corticali superiori più complesse, come la memoria visuo-spaziale,. “In generale abbiamo notato” – conclude Giuseppina Sgandurra – “come questi interventi possano migliorare le competenze superiori alla base dell’apprendimento e quindi necessarie per la scrittura e la lettura. Se nei bambini tipici tale attività può essere considerata un allenamento per apprendere meglio, nei bambini con varie forme di disabilità/BES (dai disturbi specifici di apprendimento alle paralisi cerebrali infantili), l’utilizzo della robotica in classe può migliorare l’inclusione sociale, oltre ad offrire benefici in termini di apprendimento complessivo”.

Il finanziamento e il sostegno della Fondazione Telecom Italia al progetto della Stella Maris consentirà di verificare su un target più ampio l’efficacia di “e-Rob”, progetto che, se avrà il successo sperato, potrà essere replicato ovunque, consentendo alla Robotica Educativa di diventare, in un futuro prossimo, una pratica diffusa in tutta Italia e a livello internazionale.

  http://www.fondazionetelecomitalia.it/progetti/e-rob-e-learning-la-robotica-educativa/55004/dettaglio

(fsm.unipi.it)

Annunci

LA BALLATA DI RITA ( E DI ILFAN )

Standard

Qualche giorno fa hanno destato parecchio scalpore e decisamente molto sdegno le parole pronunciate da
Collin Brewer, membro e consigliere del Concilio di Corwall, il quale ha paragonato i bambini con disabilità ai vitelli deformati che vengono uccisi nelle fattorie e ha dichiarato ufficialmente: “Se in una fattoria nasce un vitello con dei problemi, viene eliminato. Semplice.”
Non credo sia necessario dire qualcosa in merito perché di certo le stesse parole usate da questo individuo lo qualificano. Voglio invece, per ancor più forte stigmatizzare quest’atto di incredibile inciviltà, proporvi una ballata fattami conoscere da un caro amico (Marco M.) che ci fa capire come l’Uomo sia capace di gesti d’amore straordinari e, credo, ne riveli la sua vera natura.
La ballata parla della storia di Rita e di Ilfan e scopritere voi stessi, leggendola, di quale atto di amore straordinario racconta.
Le parole in poesia sono del medico/artista/poeta ottantaduenne Giuseppe Fioravante Giannoni.

___________________

di GIUSEPPE FIORAVANTE GIANNONI

LA BALLATA DI RITA ( E DI ILFAN )

Ho conosciuto Rita a Pontanico.
(un’oasi di pace e di bontà);
a Pontanico ho conosciuto Ilfan.

Mirabile coppia dal sapore amico,
coppia capace di rappresentare
come deve essere l’Umanità;
meglio: era una coppia ultrasovrumana,
una coppia strana che, a prima vista,
tu non l’avresti valutata un fico,
mancamentati appieno tutti e due,
ma a ben guardare
regalavano gioia a piene mani;
gioia veniva nel guardarli in viso
e quel sorriso
nella mente ti restava.
Una lunga storia li travagliava,
una storia di affanni, trista e dura
quale madre natura,
che per tanti è matrigna,
con le proprie mani aveva impastata.

Lei: nata non voluta
(e nata non amata)
si era ritrovata, dopo il parto,
sopra di un ripiano (forse era un letto?)
come fosse uno scarto
di macelleria; era sanguinosa
e col cordone lasciato sul petto.
Per caso ad un dottore
sembrò si muovesse a un tratto qualcosa,
con timore la prese fra le mani
ed urlò ; “Ma questa qui ancora è viva”!
Si dettero da fare
dottori ed infermiere
ma la mamma non la volle vedere,
non voleva avere una figlia così,
quell’acervo di tenerume rosa
che non aveva forza di strillare,
solo deboli lamenti alitava
fra i tormenti del vivere.
E lei non morì, a volte
è la vita che trionfa sulla morte.

Sì, era la vita che aveva trionfato
però con quali costi;
quel’incuria aveva determinato
guasti gravi al controllo muscolare;
si muoveva in maniera innaturale,
(gli arti tutti scomposti),
tanto che sua madre le diceva:
“Meglio era se la morte ti prendeva
e ti riportava al tuo Creatore”,
(si sentiva cristiana e ci credeva).
Soltanto le fu benigna la sorte
circa il motore dell’intelligenza
tanto emotiva quanto cognitiva
ed a ciò non si dava importanza.
L’apparenza negava quel valore.

Lei cresceva in una macchia di rovi,
la lotta per la vita mai finiva,
ogni giorno dentro di sé sentiva
sorgere paradossi nuovi:
nel dolore era un fiore di bontà,
il suo bisogno d’amore
diventava ardore di voler bene
e la sue pene volontà di amare;
se lei era nulla il prossimo era tutto,
il corpo inerme ma la mente in volo.
Solo questa contava;
a lei solo bastava
quel suo costrutto di attese terrene.

E si mise a studiare,
(a ginnastica non andava bene),
arrivò pure a prendere il diploma
di maestra d’asilo, il suo sogno
che saziava il bisogno d’esser mamma.
Mai era doma:
trovato il lavoro, andava a cercare
gli scarti umani (e li trovava),
il servizio sociale glieli dava
in affidamento,
(e quel “servizio come era contento!)
Rita uno dopo l’altro li portava
a casa a far stizzire sua mamma,
un dramma-contrappasso.
Di essi si prendeva cura
con grande premura,
sentendo che era uguale di natura.

Nella scuola materna in cui insegnava
capitò una bambina “rom”
in carico del servizio sociale,
(e nessuno amava quella bambina,
stirpe di “Ultimi”, gli amati da Rita).
E Rita,
diventata fogna di sventure,
dal servizio sociale fu pregata
di prestare le cure a un neonato,
fratellino di quella bambina “rom”,
restato spastico e decerebrato
ed era rifiutato dai genitori.
“Tanto”, le fu detto,”lui campa poco,
question di giorni”.

Così Rita fu pervasa dal fuoco
del più folle amore. Suo lo volle
e i “giorni” furono quattordici anni
di cure, di fervori affettuosi,
di sospirosi affanni
e lei si immeò in un lui,
per cui vivevano in simbiosi.
Anni di pannoloni,
di sbava dalla bocca,
di pianti e di sorrisi,
di attacchi di epilessia improvvisi,
di mugolii, rigùrgiti e vòmiti.
Ma una vita d’amore
fatta destino che strabocchi vita
distrappata ai rintocchi della morte.
Vita dannata ch’era paradiso.

Per essere una mamma
non basta l’utero e gli annessi,
è necessario un cuore
come quello di Rita.

di Giovanni Cupidi