Tutti in piedi, il film che sa scherzare con intelligenza sulla disabilità

Standard

Interpretata e diretta da Franck Dubosc, la pellicola sarà nelle sale a partire dal 27 settembre.

Uscirà a fine settembre nelle sale italiane e promette di diventare un buon successo ai botteghini. “Tutti in piedi“, la nuova pellicola francese diretta ed interpretata da Franck Dubosc con Alexandra Lamy non solo è una commedia leggera ed irriverente, ma affronta una tematica delicata come l’umorismo sulla disabilità. In effetti non poteva essere che francese un film così ironico e dissacratorio sui molti luoghi comuni legati all’handicap.

Sui pregiudizi con cui vengono catalogati i disabili si ride e anche di gusto. Tutto si sviluppa sullo stile della classica commedia degli equivoci. Il protagonista ed impenitente seduttore Jocelyn un giorno si siede sulla carrozzina della madre di cui si è appena svolto il funerale e viene scambiato per paraplegico da una affascinante vicina, che di mestiere fa l’assistente domiciliare.

Incuriosito dalla situazione e colpito dalla donna, si finge realmente disabile, ma il suo giochetto gli prende la mano quando conosce Florence, la bella sorella della vicina. Florence è una disabile vera, in carrozzina a seguito di un incidente d’auto, che lo spiazza completamente. Finalmente Dubosc mostra una immagine delle persone in sedia rotelle per niente pietistica e molto più vicina alla realtà.
Jocelyn è il classico maschio alfa conquistatore, che non se fa scappare una. L’uomo, manco a dirlo, è un viziato imprenditore con azienda florida ed amante delle macchine di lusso. Si trova di fronte una donna vitale e vivace, piena di curiosità ed interessi. Quello che non riesce a reggere i ritmi rischierà di essere proprio lui. Jocelyn inizia una doppia vita una in carrozzina ed una “in piedi“.

Trailer Italiano

Dubosc ha raccontato di aver deciso di girare questo film in seguito ad una esperienza vissuta con l’anziana madre, che sie era ritrovata ad usare la carrozzina per poter riprendere ad uscire. La donna lo aveva fatto riflettere sulla doppia valenza di questo ausilio, che poteva essere un mezzo di libertà, ma anche un grosso limite a causa delle barriere architettoniche.
il regista ha anche ammesso di aver sempre voluto parlare di una storia d’amore tra persone caratterizzate da differenze non culturali né sociali, ma fisiche. Da sempre inoltre era incuriosito dall’idea di innamorarsi di una donna disabile e dalle sue possibili reazioni.

(blastingnews.com)

Annunci

Disabili in tivù, come cambiano pubblicità e film

Standard

Da Forrest Gump allo spot di Sky. Storia dei portatori di handicap in televisione.

Esperimento virtuale: con l’espressione «disabilità in tivù e al cinema» cosa viene in mente?
Probabilmente Simona Atzori senza braccia e Giusy Versace con due protesi al posto delle gambe.
Oppure Simone Salvagnin, atleta plurimedagliato di paraclimbing, non vedente; e Urko Carmona, campione del mondo nella stessa specialità e scalatore su roccia.

TRASMISSIONI DENUNCIA. Nella categoria rientrano anche servizi e inchieste di trasmissioni come Le Iene e Striscia la notizia, in cui spesso vengono denunciate violazioni di diritti in differenti ambiti della vita di una persona con disabilità: la presenza di barriere architettoniche che impediscono l’accesso a luoghi pubblici, la carenza di insegnanti di sostegno a scuola, il mancato diritto all’assistenza sessuale.

SKY CI PROVA CON GLI SPOT. È storia recente, poi, l’irruzione del “disability world” nell’universo della pubblicità.
L’ultimo caso è quello dello spot di Sky on demand 2015.
 
Prima di questa però la tipologia usata è sempre stata quella delle campagne pubblicitarie ‘progresso’ che promuovono il sostegno alla ricerca contro la distrofia muscolare.
O che sensibilizzano sull’integrazione sociale di persone con sindrome di Down.

2012, PUBBLICITÀ ALTERNATIVA. Un esempio originale? È andato in onda nel 2012 in occasione della Giornata mondiale sulla sindrome di Down: il 21 marzo in televisione, sulla stampa e sul sito http://www.coordown.it sono state trasmesse versioni alternative di pubblicità dei principali marchi italiani, sostituendo gli attori originali con persone Down.
Più recente è invece l’utilizzo di testimonial famosi con disabilità.

L’EMPOWERMENT FEMMINILE. Proprio a Giusy Versace il 3 giugno 2015 è stato consegnato il premio “Special award pubblicità progresso” come esempio di determinazione e coraggio per tutte le donne.
Da anni la pubblicità progresso dedica i suoi spot all’empowerment femminile, sia per combattere i pregiudizi di genere sia per incoraggiare le donne a una maggior autostima.

NON SOLO MESSAGGI SOCIALI. Ora però i pubblicitari si spingono oltre: modelle con protesi o bambini con sindrome di Down non veicolano più soltanto “messaggi sociali”, ma diventano protagonisti di spot che pubblicizzano calendari, come Maya Nakanishi in Giappone, giochi per bambini, come la piccola Izzy negli Stati Uniti, capi di abbigliamento, come Seb, baby modello nel catalogo di Marks & Spencer, o uniformi e prodotti per la scuola come Natty, la cui immagine è stata scelta dalla Sainsbury, nota catena di supermercati britannica.

I bambini Down che sono stati selezionati per comparire negli spot sopra menzionati hanno i tratti morfologici tipici di che è affetto da trisomia 21, ma hanno volti bellissimi e sorrisi Durban’s.
Le donne con disabilità in tivù sembrano tutte modelle, anche quelle che non lo sono di professione.

DIVERSI CANONI DI BELLEZZA. Ci sono però disabilità con caratteristiche somatiche particolari che non corrispondono agli standard tradizionali di bellezza.
Una donna affetta da tetraparesi spastico-distonica può essere una ‘gnocca da paura’ (e ogni riferimento a persone particolari, ovvero la sottoscritta, è puramente casuale), ma non sempre le espressioni facciali o le posizioni assunte dal corpo rientrano nei modelli di bellezza culturalmente stabiliti.

LA TIVÙ AIUTA L’INCLUSIONE. La televisione e i mass media in generale possono essere considerati degli strumenti per raggiungere l’obiettivo di una reale inclusione sociale di tutte le persone con disabilità?
Serve tenere gli occhi aperti e la mente critica.
Senza dimenticare il vasto mondo delle produzioni cinematografiche: lì la disabilità è presente da molto più tempo di quanto non lo sia in tivù.
FREAKS FU IL PIONIERE. Freaks (1932) del regista Tod Browing è forse il film che apre la strada a quella che sarà la tematica oggetto di molte produzioni successive.
Ambientato nel mondo del circo, ha utilizzato attori con handicap reali.

 
RAIN MAN E FORREST IL TOP. Ci sono poi esempi di “superdisabili”, interpretati da star come il protagonista di Rain Man (1988, Dustin Hoffman) o di Forrest Gump (1994, Tom Hanks): il primo affetto da autismo e genio matematico, il secondo capace di diventare un talento della corsa nonostante i suoi deficit fisici e cognitivi.

ANCHE STORIE ”ORDINARIE”. Ci sono pure storie vere di donne e uomini “ordinari”: tra tutte Gaby – Una storia vera (1987) racconta la vita di Gabriela Brimmer, che non cammina e non parla ma muove solo un piede.
E Il mio piede sinistro (1989), basato sulla vita di Christy Brown, pittore e scrittore affermato con un handicap fisico quasi totale tranne, appunto, nel suo piede sinitro.
In queste produzioni, sebbene i protagonisti non spicchino per l’ironia, la quotidianità viene mostrata senza commiserazioni e falsi pietismi.

Altri film raccontano persone disabili alle prese con un mondo non “disable friendly” come Arianna, interpretata da Asia Argento nel filmPerdiamoci di vista (1994) alla disperata ricerca di un autogrill dotato di bagno accessibile.
SESSO, MA CON IRONIA. The session (2012), tratto da una storia vera, affronta con ironia e lucidità il tema dell’assistenza sessuale.
Mark, 38enne paralizzato dalla poliomelite, sapendo di non aver molto tempo prima di morire decide di rivolgersi a un’assistente sessuale, Cheryl, per perdere la verginità.
 

NÉ VITTIME NÉ EROI. Mark non possiede caratteristiche del supereroe, ma, d’altro canto, non accetta il ruolo di vittima della sua condizione.
I ruoli di terapista e cliente vengono scardinati: durante le sedute lo scambio umano e intellettuale tra i due è alla pari.
Mark non è dipinto come soggetto passivo o esclusivamente bisognoso di cure: piuttosto come un uomo con tutte le carte in regola per poter affascinare una donna.
E infatti le “sessioni” si concludono prima del previsto perché Cheryl, rendendosi conto del reciproco coinvolgimento sentimentale e sessuale, decide di non proseguire.

QUASI AMICI Impossibile non citare Quasi amici (2011), gioiellino di umorismo dissacrante nei confronti dei luoghi comuni sulla disabilità, con spunti di riflessione ed emozioni.
Racconta la relazione tra Philippe, miliardario paraplegico, e Driss, un giovane uomo di origine africana che entra ed esce di galera e diventa suo badante.

La famiglia del miliardario, vittima dei cliché sui “poveri disabili indifesi” e sugli “africani delinquenti”, effettua delle ricerche sulla vita di Driss e scopre i suoi precedenti penali.
«NESSUNA PIETÀ». I parenti lo mettono in guardia: «Stai attento, Philippe, questa gente non ha nessuna pietà!».
Il protagonista non si scompone e risponde: «È esattamente quello che voglio: nessuna pietà».
La stessa mission delle nuove pubblicità sui disabili.
(lettera43.it)

di Giovanni Cupidi

Cinema e disabilità: sposi felici o quasi amici?

Standard

Giovanna Vignola ha interpretato Dadina, la direttrice di giornale con acondroplasia della “Grande bellezza”

È complicato parlare di cinema e disabilità. La “settima arte”, infatti, ha prodotto una variegata e copiosa filmografia sulla “diversità”, che rende impossibile essere esaustivi nello spazio di un articolo e difficile anche decidere da quale prospettiva analizzare l’argomento. Quindi… cominciamo dalla fine, vale a dire dalla Grande bellezza, l’opera di Paolo Sorrentino che ha riportato in Italia l’Oscar per il miglior film straniero.
Nel mondo cinico e superficiale che circonda Jep Gambardella (alias Tony Servillo), si fa notare per simpatia Dadina, direttrice di un giornale e confidente del protagonista. Dadina è affetta da acondroplasia – più comunemente nota come nanismo – e in un dialogo con Jep afferma che questa caratteristica fisica è sempre la prima e l’ultima cosa che notano di lei. Dadina è Giovanna Vignola, perugina doc impegnata nel sociale, che ha detto di avere accettato la proposta di Sorrentino perché il suo personaggio «non è una macchietta», ma, al contrario, «una persona autentica e rassicurante che può essere vista come un’occasione di riscatto per chi è vittima di preconcetti».
Giovanna Vignola come Peter Dinklage, apprezzato attore con acondroplasia a proprio agio sia nelle commedie brillanti che nei contesti drammatici, vincitore di un Emmy come miglior attore non protagonista nella serie TV Il trono di spade. Conosciuto per avere vestito i panni del nano Trumpkin in Le cronache di Narnia – Il principe Caspian il ruolo più intenso della sua carriera è stato quello di Fin, l’introverso protagonista di The Station Agent (2003), che eredita dal padre una stazione ferroviaria in disuso.

Anche quello che viene considerato il primo film sulla disabilità ha portato sul grande schermo attori con nanismo. È Freaks, capolavoro di Tod Browning del 1932. Una pellicola audace, “maledetta” e leggendaria, interpretata da attori con disabilità che ai tempi erano considerati deformi fenomeni da baraccone, freaksappunto, per di più con ruoli da cattivi che ancora oggi farebbero discutere. Il film è stato bloccato dalla censura per quasi cinquant’anni a causa della violenza di alcune scene recitate da disabili che vendicano un loro amico.

Un’immagine del celebre film “Freaks”, diretto nel 1932 da Tod Browning

Meno noto, ma per l’epoca altrettanto coraggioso, èJonny Belinda del regista rumeno Jean Negulesco(1948), storia di una ragazza sordomuta sostenuta da un medico che l’aiuta ad uscire dall’isolamento. Un’“Anna dei miracoli” ante litteram, che non ha conosciuto la fama del film di Arthur Penn del ’62, quello che ha commosso il mondo con il rapporto speciale tra l’insegnante Annie Sullivan e la ribelle Helen, cieca e sorda dalla nascita.

Ma è negli ultimi decenni che il binomio cinema-disabilità è stato frequentato più spesso. La potenza narrativa e i meccanismi di identificazione che scattano durante la visione di un film rendono il grande schermo un mezzo efficace per veicolare la cultura dell’integrazione sociale, permettono di cogliere messaggi che vanno oltre i canoni estetici imperanti. Il cinema dà corpo e voce alla disabilità, ma quali modelli ci presenta? Riesce a mantenere un corretto equilibrio fra intrattenimento e riflessione?
Per capirlo, “trasferiamoci” a Hollywood. Abituata a produzioni stellari, la Mecca del cinema non bada a spese neanche quando si tratta di raccontare la “diversità”. Il disabile hollywoodiano è inserito in una cornice narrativa spettacolare, ha il volto di un attore importante, che dimostra quanto è bravo ad interpretare un ruolo fuori dal comune; tutto il film, insomma, gira intorno alla star.
L’antesignano è The Elephant Man (1980) di David Lynch, con John Hurt nei panni di John Merrick, un uomo realmente esistito nella Londra ottocentesca. Laneurofibromatosi gli deformava i lineamenti e i ricchi londinesi gli facevano visita, più per appagare il loro bisogno di sentirsi buoni che per reale umanità.
Altra storia vera, quella dello scrittore paraplegico irlandese Christy Brown in Il mio piede sinistro (1989) diJim Sheridan, con la performance da Oscar di Daniel Day-Lewis.
Raccontano invece storie inventate Rain Man, che nel 1989 consegna un Oscar a Dustin Hoffman per il ruolo del “genio-matematico-autistico” Raymond Babbit, eForrest Gump (1994), con Tom Hanks nella parte del ragazzo che attraversa la storia americana con ingenua saggezza, anch’egli premiato con la statuetta più prestigiosa.

Un Leonardo Di Caprio alle prime armi e un giovane Johnny Depp in “Buon compleanno Mr. Grape”, film del 1993

Pur lodevoli e per certi aspetti profonde, rimangono però tutte pellicole subordinate alle regole dello star system, figlie del compromesso tra finzione e vita vera, con un finale forzatamente dolce-amaro, perché il pubblico non trovi troppo “sgradevole” la presenza di un “diverso” nella storia.

Dal punto di vista della comunicazione sociale, Hollywood ha fatto certamente di meglio con Buon compleanno Mr. Grape (1993), dove si ammira la bravura di un Leonardo Di Caprio alle prime armi nei panni di un giovane con disagio psichico, e soprattutto con Mi chiamo Sam, pellicola del 2001 che vede Sean Penn nel ruolo di un uomo con il quoziente d’intelligenza di un bambino, padre attento e premuroso di una bambina, che deve lottare contro i pregiudizi per ottenerne l’affidamento.
Un’interpretazione splendida che non ottenne l’Oscar, forse perché Sean Penn porta sullo schermo un disabile nella sua normalità, senza sconti, non un “idiota geniale” come Forrest Gump che suscita un’istintiva simpatia.
La disabilità mentale, del resto, è stata affrontata in molti film, basti pensare a Qualcuno volò sul nido del cuculo (1975) e Risvegli (1990), appartenenti al filone “ospedaliero” di Hollywood, pellicole di denuncia rimaste nella storia del cinema con tanti pregi (in primis le interpretazioni di mostri sacri come Jack NicholsonRobert De Niro e Robin Williams), ma con il dichiarato obiettivo di suscitare quella commozione che tanto piace al grande pubblico.
E ci sono state anche trasposizioni di biografie importanti, come A beautiful mind (2001), la vita del Nobel per l’Economia John Forbes Nash, affetto da schizofrenia paranoide, Shine (1996), ovvero gli strazi del pianista David Helfgott prima dell’incontro salvifico con la compagna, e Un angelo alla mia tavola (1990), l’esistenza di Janet Frame, la maggiore scrittrice neozelandese, rinchiusa in un ospedale psichiatrico a causa di una diagnosi sbagliata di schizofrenia.
Non è invece arrivato nel nostro Paese – ed è un gran peccato – Murderball (“Palla assassina”), raro esempio di film-documentario made in USA del 2005, girato sul campo di gioco e negli spogliatoi di una squadra di pallacanestro in carrozzina. Vi colpisce la durezza dello scontro fra sedie a rotelle durante le partite, le storie personali dei giocatori descritte senza ipocrisia, la goliardia delle trasferte. Una “palla assassina” che arriva dritta allo stomaco, ma che lascia gli occhi asciutti perché ti obbliga a guardare le persone, non la loro condizione.
In altre occasioni, invece, la disabilità ha fatto da sfondo a racconti incentrati su temi forti come il pacifismo (i dubbi e i tormenti dell’America dopo il conflitto del Vietnam in Tornando a casa del 1976 e Nato il 4 lugliodel 1989, storie di reduci rimasti disabili), oppure è stata “usata” in film di genere fantastico, come allegoria per spiegare la solidarietà a volte solo apparente dei cosiddetti “normodotati”. Ad esempio, Edward mani di forbice di Tim Burton (1990) prende a pretesto la fiaba moderna di un novello Frankenstein con due paia di forbici al posto delle mani, per rappresentare l’attrazione/rifiuto verso la “diversità” e in Biancaneve diTarsem Singh (2012), più di Julia Roberts nei sontuosi abiti della strega cattiva, si fanno notare i sette nani politicamente scorretti. Cacciati dal regno in quanto “indesiderati”, non vengono infatti difesi da nessuno e si dedicano al banditismo.
E poi non può mancare il cinema sentimentale. Di primo acchito torna in mente Figli di un dio minore, titolo divenuto con il tempo un modo per definire l’intero universo della disabilità.

Una scena dal film australiano del 1998 “Balla la mia canzone” diretto da Rolf de Heer

Film del 1986, ambientato in un istituto per non udenti, percorre le tappe dell’amore tra un insegnante anticonformista e la donna delle pulizie, sorda dalla nascita. L’attrice, Marlee Matlin, porta a casa un Oscar ed è un esempio di interprete disabile anche nella vita. Marlee, infatti, non sente in quanto affetta da una malattia genetica.
Un’opera interessante, ma un po’ scontata, diversamente dall’australiano Balla la mia canzone(1998), diretto da Rolf de Heer che mette a confronto la solarità e la profondità d’animo di Julia, giovane tetraplegica, con la grettezza dell’assistente Madelaine, che sfoga le sue frustrazioni su Julia, arrivando a sedurre l’uomo di quest’ultima per affermare la propria “normalità”. Tentativo inutile, perché alla fine vince l’amore vero, non senza scene di nudo che hanno choccato e scatenato polemiche.

Fin qui pare proprio che “non ci resti che piangere”, nel senso che escludendo sporadiche scene, tutti i film passati in rassegna hanno risvolti drammatici. Eppure, con la disabilità si può anche ridere di gusto (senza cadere nel cattivo gusto, Indovina chi viene a Natale eFuga di cervelli docet, recenti pellicole italiane che indugiano su battute grevi e luoghi comuni).
In tal senso dobbiamo inchinarci ai cugini d’oltralpe che nel 2011 hanno portato nelle sale di tutto il mondoQuasi amici, il 62º miglior film di sempre, secondo il sito americano Internet Movie Data Base. Tra l’aristocratico paraplegico Philippe e il badante Driss c’è contrapposizione di possibilità fisiche, cultura, colore della pelle, condizioni economiche e sociali, nazionalità. Si stabilisce tra queste due persone così diverse unacomunicazione diretta e sincera. Le battute a tratti poco eleganti del badante Driss, le corse sulla sedia a rotelle, gli scherzi alla polizia regalano alla pellicola ulteriore verità senza precipitare nella scorrettezza. In definitiva, una storia semplice e allegra che ha incantato il pubblico di ogni latitudine. Peccato solo che in Italia (il titolo originale era Intouchables si sia intitolato Quasi amici, perché quel “quasi” rimane inspiegabile.
Già nel 1996 gli sceneggiatori francesi avevano fatto riflettere con L’ottavo giorno, nel quale il talentuoso attore con sindrome di Down Pascale Duquenne aveva redento il manager in carriera Daniel Auteuil, insegnandogli il valore della generosità.

C’è una notevole differenza tra Hollywood e l’Europa nel rappresentare la “diversità”. I lavori del Vecchio Continente, infatti, sono più introspettivi, legati alla vita quotidiana, non disdegnano tematiche forti e lasciano un finale aperto che non necessariamente riconcilia con il mondo.
Prendiamo ad esempio lo spagnolo Mare dentro, titolo evocativo per la storia vera di un ex marinaio che sceglie l’eutanasia dopo ventotto anni di immobilità in seguito ad un tuffo azzardato. Grazie anche all’interpretazione di un sublime Javier Bardem, uno dei migliori attori in circolazione, Mare dentro parla alla testa e al cuore, senza edulcorare la trama e rifuggendo i moralismi che spesso accompagnano le pellicole sulla disabilità.
Non lancia proclami contro o a favore dell’eutanasia neppure Lo scafandro e la farfalla, opera francese del 2007 di grande umanità ed elevato livello artistico. Lo spettatore “vede” il mondo attraverso l’occhio sinistro del protagonista, l’unico organo intatto in un corpo rimasto paralizzato e senza l’uso della parola dopo un malore. Giornalista affermato, Jean-Dominique Bauby si risveglia dal coma imprigionato in un corpo pesante come uno scafandro, ma il suo pensiero vola libero come una farfalla.

Kim Rossi Stuart e Andrea Rossi in una scena di “Le chiavi di casa”, film diretto nel 2004 da Gianni Amelio

Il delicato argomento della sessualità nelle persone disabili è centrale invece in La teoria del volo, film inglese del 1998, che si fregia della presenza di Kenneth Branagh nelle vesti dell’artista fallito, costretto dai servizi sociali ad assistere una ragazza con una malattia degenerativa, Jane, che vuole perdere la verginità prima di morire.

Anche in Italia possiamo annoverare qualche positivo esempio. Il meglio riuscito, a parere di chi scrive, è Le chiavi di casa di Gianni Amelio (2004), liberamente tratto dal romanzo autobiografico di Giuseppe Pontiggia Nati due volte. Vi si racconta il rapporto tra un padre, Gianni, e Paolo, il figlio quindicenne disabile che non ha mai conosciuto. Per interpretare Paolo è stato scelto Andrea Rossi, ragazzo paraplegico con un estro che da solo vale la visione del film.
Sempre un libro autobiografico, Più leggero non basta. Educazione alla diversità di un obiettore di coscienza diFederico Starnone, aveva ispirato nel 1998 la sceneggiatura di Più leggero non basta, con Stefano Accorsi in servizio civile che deve occuparsi di una ragazza con distrofia muscolare (Giovanna Mezzogiorno). Con tocco sensibile, la regista Elisabetta Lodoli ritrae un incontro-scontro che cambia la vita all’obiettore fino ad allora ignaro della disabilità.
Il tabù del disagio mentale nell’infanzia è centrale poi nelGrande cocomero di Francesca Archibugi (1993), film da cui è nata l’omonima Associazione che si occupa dei minori in situazioni di disadattamento psichico e sociale.
E ancora, per il genere commedia, ricordiamoPerdiamoci di vista (1994) di e con Carlo Verdone, film critico della cosiddetta “TV del dolore”, smascherata da una giovane donna in carrozzina (Asia Argento), arguta e senza peli sulla lingua, che cambia la prospettiva dello spregiudicato showman Verdone.
Una perla di bravura la fornisce infine Giancarlo Giannini, cinquantenne con sindrome di Down, in Ti voglio bene Eugenio del 2002.

Persone con super-risorse, qualche cliché, a volte un eccesso di zucchero, adattamenti per rendere più accessibili storie “scomode”. Ma anche personaggi vericon vissuti che trasmettono un’interiorità profonda e lasciano un segno, obbligano a non girarsi dall’altra parte.
Il cinema ci ha proposto modelli differenti e differenti scelte stilistiche hanno dato vita a risultati più o meno apprezzabili. Nei confronti della disabilità, la “settima arte” è diventata un mezzo di comunicazione, ci fa entrare nei panni dell’altro e capire quali strategie inconsce mettiamo in atto di fronte alla “diversità”. Sul grande schermo, in poche parole, la disabilità si svincola dallo stereotipo assistenziale e diventa oggetto di riflessione culturale.
(superando.it)

di Giovanni Cupidi

Con «Arrugas» l’Alzheimer arriva al cinema

Standard

Il film di animazione spagnolo, nelle sale italiane, racconta con tenerezza e ironia la malattia che ruba la memoria.

L’Alzheimer è una malattia che fa svanire la memoria e rende difficile prendersi cura di sé, a cominciare dai gesti quotidiani più semplici, come lavarsi e vestirsi. A raccontarla con tenerezza e umorismo sullo schermo è un film di animazione spagnolo, «Arrugas» – Rughe, che sta girando di nuovo l’Italia (in proiezione nei prossimi giorni da Treviso a La Spezia, da Milano a Roma), in occasione della Giornata internazionale dell’Alzheimer, che si celebra in tutto il mondo il 21 settembre. Primo nella storia degli Oscar spagnoli (Premi Goya) a vincere come miglior film di animazione e migliore sceneggiatura adattata, il lungometraggio, diretto dal regista Ignacio Ferreras, è tratto dal graphic novel omonimo di Paco Rocache, prima di scrivere la storia, ha visitato diverse cliniche per anziani.

LA TRAMA – «Arrugas» narra le avventure di Emilio e Miguel, che s’incontrano e stringono amicizia all’interno di una residenza per anziani, dove per molti la vita sembra ormai finita. Emilio, ex direttore di banca, ha un inizio di Alzheimer e deve abituarsi a convivere con gli altri ospiti, quelli che rivivono i sogni del passato, come la signora che s’immagina in viaggio per Istanbul sull’Orient Express e chi rivede, come se vivesse tra le nuvole, gli anni d’oro dell’adolescenza e del primo amore. Per ambientarsi, l’uomo potrà contare sul suo compagno di stanza, Miguel, che questa condizione l’ha presa bene, tanto da scherzarci. Entrambi cercano di non finire nel tanto temuto ultimo piano dell’istituto, dove viene recluso chi ha perso la ragione e non può più badare a se stesso. E provano ad affrontare la solitudine e la sofferenza con dignità, senza rinunciare a ridere.

VECCHIAIA ASSENTE AL CINEMA – «La vecchiaia è un tema scarsamente trattato nel cinema come nella letteratura – sottolinea Paco Roca -. Nella nostra società un anziano è come un attore non protagonista e Arrugas parla di ciò che sentono le persone anziane lontane nella vita dai ruoli principali». L’autore del fumetto ha preso spunto da racconti di vita vissuta: «Emilio, il protagonista, è il padre di un mio caro amico; ho anche conosciuto una signora malata di Alzheimer, che passava le sue giornate alla finestra pensando di viaggiare in treno».