5 Maggio: Giornata Internazionale per la Vita Indipendente

Standard

image

ENIL ITALIA ONLUS
European Network on Indipendent Living

Siamo  cittadine  e  cittadini  disabili  che  vogliono  condurre  una  vita  con  un  grado  di  libertà comparabile  con  quello  delle  altre  persone  di  controllo  e  di  scelta  al  pari  dei  nostri  simili  non disabili.
Questo è  il  vero significato di  “Vita Indipendente”. Vita  Indipendente  non  significa  che  vogliamo  fare  tutto  da  soli  e  che  non  abbiamo  bisogno  di nessuno  o  che  vogliamo  vivere  in  isolamento.  Vogliamo  vivere  come,  dove  e  con  chi  si  vuole, frequentare  le  stesse  scuole  del  quartiere,  usare  gli  stessi  autobus  che  usano  i  nostri  vicini  di  casa, fare  lavori  che  sono  in  linea  con  la  nostra  formazione  e  con  i  nostri  interessi.  Vogliamo  essere protagonisti  nel  vivere la vita. Un  numero  stimato  di  oltre  un  milione  di  cittadini  europei  con  grave  disabilità  è  costretto  a  vivere in  istituti  residenziali,  emarginati  ed  invisibili.  Le  persone  con  disabilità  che  hanno  necessità  di assistenza  da  parte  di  altre  persone  nella  vita  quotidiana,  per  tale  carenza  costituiscono statisticamente  il  gruppo  con  la  minore  istruzione,  il  minor  tasso  di  occupazione,  il  minor  reddito  e vita  sociale  e  culturale  molto  ridotta.  Tali  risultati  si  concretizzano  nella  negazione  totale  o  parziale dei  diritti  di  cittadinanza  e  sono  il  risultato  della  difficoltà  di  accesso  all’istruzione  ed  alla formazione,  della  mancanza  di  abitazioni,  di  luoghi  di  lavoro,  di  trasporti  accessibili,  ma  soprattutto dell’impossibilità  di  potere  autodeterminare  la  propria  esistenza,  scegliendo  e  formando  i  propri assistenti  personali  affinché  possano intervenire ogni  volta che le situazioni  lo rendano necessario. Questa  situazione  è  stata  prodotta  e  si  perpetua  grazie  alla  cultura  paternalistica  della  “presa  in carico”,  che riduce la persona disabile a  mera “cosa” da gestire.   Una  delle  chiavi  per  rompere  tale  cultura  è  l’assistenza  personale  autogestita  e  autodeterminata mediante l’utilizzo di  un  finanziamento alla persona disabile allo scopo di  consentirle di  esercitare le proprie libertà.  Tale finanziamento è  finalizzato  alla creazione di  rapporti  di  lavoro in  cui  il  disabile è il  datore  di  lavoro  e  dà  le  istruzioni  ai  propri  assistenti  personali.  In  coerenza  con  ciò,  le  scelte politiche  ai  vari  livelli  devono  rendere  esigibile  l’assistenza  personale  per  l’autodeterminazione. Soluzioni  che  consentono  alle  persone  disabili  di  liberare  la  propria  esistenza  che  è  costituita  come per  chiunque,  da  bisogni  e  desideri.  Vogliamo  essere  figli  come  i  figli  senza  disabilità,  vogliamo essere  genitori,  mariti,  mogli,  nonni,  amici,  cittadini  come  i  genitori,  i  mariti,  le  mogli,  i  nonni,  gli amici,  i  cittadini  senza disabilità!  Il  vero “cambio di  paradigma” della Convenzione ONU. È  necessario  far  sentire  alta  la  nostra  voce  per  porre  fine  alla  dipendenza  dai  fornitori  di  servizi, dagli  “esperti”  e  “professionisti”  che  parlano  al  nostro  posto.  Rivendichiamo  il  nostro  essere  parte integrante  della  società  e  il  nostro  diritto  alla  pari  dignità  ed  eguaglianza. Per  liberare  il  NOSTRO diritto di vivere eguali, decidere COME, DOVE, QUANDO e con CHI VIVERE.

LOTTIAMO  INSIEME PER IL  PRINCIPIO  DEL  “NULLA  SU  DI  NOI  SENZA  DI  NOI”

NO  all’ISEE  sui  disabili  gravi  e  sui  progetti  di  Vita  Indipendente.

NO  alle imprese sociali  che impediscono la libertà delle  scelte individuali.

SI  al  progetto personalizzato,  all’assistenza autogestita e  autodeterminata.

SI  al  finanziamento individuale dei  progetti  personalizzati  per  una vita dignitosa   SI  al  diritto ad  una vita adulta e  indipendente e  alla vera deistituzionalizzazione.

di Giovanni Cupidi

Annunci

Giornata internazionale disabilità 2014: gli eventi in tutta Italia

Standard

Il 3 dicembre 2014 si torna a parlare di inclusione in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità: in tutta Italia sono in programma eventi per promuovere la partecipazione attiva delle persone disabili alla vita lavorativa e al tempo libero

Il 3 dicembre 2014 si torna a riflettere suinclusione e integrazionein occasione dellaGiornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità: tanti sono gli eventi in programma per sensibilizzare l’opinione pubblica ai diritti e al benessere delle persone disabili, con l’obiettivo di favorire l’abbattimento di tutte quelle barriere che ancora oggi, purtroppo, ne rendono difficile il miglioramento delle condizioni lavorative e di vita.

Il Mibact – Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – ha messo in piedi un cartellone ricchissimo di iniziative che va dalle mostre sugliausili per la disabilità ai laboratori didattici, fino ad arrivare ai percorsi “ad hoc” per le disabilità sensoriali, coinvolgendo ben ventisette città italiane: scopri tutti gli appuntamenti sulla pagina ufficiale.

A Torino sono in programma spettacoli, incontri e dibattiti sul tema del viaggio e della partecipazione consapevole al turismo e alla vita ricreativa: il 3 dicembre se ne discuterà in una giornata di studio a Borgo Medioevale, dalle 9 alle 18, in compagnia di esperti e operatori del settore. Il 9 dicembre ventisei attori della Compagnia delle Frottole – di cui tredici con la sindrome di Down – porteranno in scena lo spettacolo “La locanda del migrante” (ore 21, Casa del Teatro Ragazzi e Giovani). La programmazione continua nei giorni successivi con proiezioni ed eventi che anticipano il Natale: scoprili tutti cliccando qui.

A Bologna è l’Università a farsi promotrice di una settimana di eventi, dal 3 al 10 dicembre, dedicata alla riflessione sull’inclusione e sulle buone pratiche: per scoprire tutti i convegni e gli appuntamenti in programma, visita il sito della Provincia di Bologna.

A Milano si torna a parlare di turismo accessibile, ricollegandosi alle tematiche di Expo 2015: il 3 dicembre, dalle 9.30 alle 13, è in programma una mattinata di studio a Cascina Bellaria che vedrà protagonisti a studenti e docenti degli istituti alberghieri, pronti a confrontarsi sul tema dell’accoglienza e a mettersi alla prova in workshop che simulano situazioni reali di “bisogni speciali” che si possono incontrare in ristorante o albergo; sabato 6 dicembre, invece, sarà la volta di una tavola rotonda dedicata al cibo e all’alimentazione, che si concluderà con lo spettacolo musicale proposto dagli Ensemble Parthenope.

A Roma è atteso un incontro a Palazzo Chigi (Sala Verde, 9:30-13:30) dedicato alla sfida per l’inclusione, che vede l’organizzazione congiunta dei ministeri del Lavoro, della Salute e dell’Istruzione e la collaborazione di Fand, Fish e Inail, mentre nel Palazzo delle Esposizioni si parlerà di sviluppo sostenibile, con la partecipazione, tra gli altri, del Presidente del Comitato Paralimpico Luca Pancalli. Il giorno successivo alle 16 sarà il Palazzo dei Congressi ad ospitare la presentazione del volume “La mia storia ti appartiene: 50 persone con disabilità si raccontano”, alla presenza dei curatori Vittorio Pavoncello e Silvia Cutrera e di Pietro Del Soldà, conduttore di Radio 3.
(urbanpost.it)

di Giovanni Cupidi