Vita Indipendente: Sit-In di protesta a Palermo 

Standard

Ph: Igor Petyx

Si è svolto il 20 ottobre a Palermo in piazza Indipendenza presso Palazzo d’Orleans, sede del Presidente della Regione Sicilia, un sit-in per la promozione della Vita Indipendente organizzato dalle associazioni Insieme per l’Autismo, MOVIS e Parent Project. 
Vi ho già parlato in alcuni post precedenti ( 1 e 2) delle motivazioni che  ci hanno portato alla organizzazione di questo evento al termine del quale una nostra delegazione  è stata ricevuta da un segretario del governatore Crocetta, Giancarlo Costa, il quale dopo avere dichiarato di non essere a conoscenza delle nostre motivazioni ci ha invitato a inviare una mail con le nostre richieste. Noi faremo ben altro, ossia faremo sottoscrivere un documento con le nostre istanze ai sindaci dei comuni siciliani che vorranno aderire. Il Comune di Vittoria ha già dichiarato la sua disponibilità. In questa direzione va anche la dichiarazione del presidente dell’Anci Sicilia Leoluca Orlando fatta a sostegno del nostro sit-in:

La Vita Indipendente è un diritto umano che la società deve garantire a tutti i suoi cittadini con strumenti, servizi e risorse adeguate alle loro caratteristiche ed esigenze. Riconoscere il diritto alla Vita Indipendente significa riconoscere le pari opportunità e garantire la piena cittadinanza alle persone con disabilità che, infatti, proprio come tutti gli altri cittadini e come tutti gli esseri umani, affermano il diritto di essere responsabili delle proprie vite e vogliono essere riconosciuti nelle loro competenze, capacità ed interessi”.

Ph: Igor Petyx

VIDEO – DICHIARAZIONI CARMELO COMISI E GIOVANNI CUPIDI 

Sono già numerose le testate giornalistiche che hanno pubblicato articoli sul sit-in in piazza Indipendenza  come quelli su Repubblica.it e Blog Sicilia.  È inoltre intervenuta una giornalista della redazione di Stefania Petyx, nota inviata della trasmissione Striscia la Notizia, che ha raccolto e filmato le nostre dichiarazioni. 

Quotidiano “La Sicilia”

Quindi fiduciosi che la nostra protesta venga conosciuta maggiormente dall’opinione pubblica grazie ai media che vorranno sostenerci, siamo sempre più convinti che condividere le battaglie non può far altro che bene e perciò abbiamo intenzione e stiamo lavorando al fine di coinvolgere sempre più realtà a sostegno delle nostre rivendicazioni (C. Comisi)

Giovanni Cupidi 

Il 20 Ottobre manifestazione a Palermo per la Vita Indipendente

Standard

Uno degli Slogan del Sit-in

Giovedì 20 ottobre 2016 le associazioni MOVIS, Parent Project e Insieme Per L’Autismo si riuniranno sotto il Palazzo della Presidenza della Regione Sicilia a Palermo in piazza Indipendenza a partire dalle ore 10:30 per chiedere ed ottenere il diritto alla Vita Indipendente.
I progetti di Vita Indipendente sono finalizzati al raggiungimento della piena autonomia personale. Non sono, perciò, interventi di sostegno al nucleo familiare, né interventi sostitutivi dell’assistenza tutelare, né interventi di carattere sanitario.
“Se in precedenza abbiamo avuto delle interlocuzioni con diversi esponenti politici – spiega Carmelo Comisi, presidente di MoVis Onlus – arrivando anche a far presentare un disegno di legge dal deputato regionale Nino Oddo, adesso, consapevoli della cattiva volontà della classe politica regionale e soprattutto delle menzogne che l’attuale Governo racconta in merito ai progetti Vita Indipendente, abbiamo deciso di fare un sit-in per essere ricevuti dal Presidente della Regione e avere chiarimenti ma anche, soprattutto, per dire all’opinione pubblica come stanno le cose.”
La Regione Sicilia  è inadempiente rispetto alla messa in opera dei progetti di Vita Indipendente nonostante abbia recentemente inviato al Comitato di Vigilanza Onu dati secondo i quali la Sicilia sarebbe la Regione che dal 2013 spende di più per questi progetti. 

Nel documento inviato dal Ministero alle Nazioni Unite, alla risposta numero 38 (pag 8) infatti è scritto:

Since 2013 23,200,000€ have been made available to the Regions for experimental projects on independent living

ossia:

Dal 2013, €23,2 milioni sono stati destinati alle Regioni per progetti sperimentali di vita indipendente”

“Pretendiamo – continua Comisi – che in questa vicenda intervenga direttamente il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, il quale ha la responsabilità di non aver verificato ciò che la Regione Siciliana ha dichiarato, limitandosi a trasmettere la notizia all’osservatorio Onu per l’applicazione della Convenzione Sui Diritti Delle Persone Disabili, che all’articolo 19 prevede appunto il diritto alla Vita Indipendente.”
“Pertanto – conclude Comisi – ci auguriamo che molte persone partecipino alla nostra manifestazione e che i mezzi di comunicazione facciano il loro dovere per portare la nostra protesta a conoscenza di tutti e alle orecchie di chi ha il potere di intervenire. Pertanto insieme alle altre associazioni organizzatrici, cioè la Parent Project e Insieme Per L’Autismo, ci auguriamo che molte persone partecipino alla nostra manifestazione e che i mezzi di comunicazione facciano il loro dovere per portare la nostra protesta a conoscenza di tutti e alle orecchie di chi ha il potere di intervenire.”