​FotoOto, app fotografica per persone con disabilità visive

Standard

FotoOto è la nuova app per smartphone di Publicis Pixelpark che permette alle persone con deficit visivi di comprendere il contenuto di una foto scattata tramite questa applicazione o caricata sull’app direttamente dalla propria gallery. Grazie ad essa, 325 milioni di persone con disabilità visive nel mondo possono registrare le proprie emozioni, momenti e ricordi e condividerli con gli altri. Con un sistema integrato di riconoscimento d’immagine, FotoOto legge ad alta voce la descrizione degli elementi presenti nella foto. Successivamente, converte l’immagine in una serie di suoni individuali, creando un paesaggio sonoro unico per ogni foto. Inoltre, FotoOto permette agli utenti di aggiungere, con un solo click, commenti audio o suoni alle immagini che pubblicano.
FotoOto è il risultato di un anno e mezzo di stretta cooperazione tra Publicis Pixelpark con potenziali utenti dell’app e gli esperti dello studio Not a Machine, di Futura Epsis 1 e di Cargo Records. L’applicazione gratuita è già disponibile in inglese su AppStore.

VIDEO

Timm Weber, Chief Creative Officer di Publicis Pixelpark, commenta così il lancio dell’app:

Attualmente, la maggior parte delle immagini e video condivise sui social e sul web non hanno un ausilio audio che aiuti la loro comprensione. Di conseguenza, le persone con deficit visivo si perdono molto di ciò che accade nella vita dei loro amici e dei loro familiari. Con FotoOto, abbiamo voluto creare un nuovo strumento facile da usare, divertente e che contribuisce ad una migliore comprensione per tutti i soggetti coinvolti. FotoOto in realtà è una foto app pensata non solo per chi ha difficoltà visive ma per un pubblico più ampio.

(hi-tech.leonardo.it)

I wearable per la disabilità

Standard

Dai guanti che traducono il linguaggio dei segni agli occhiali per persone considerate ciechi: tutti i wearable per affrontare la disabilità



SMARTPHONE & GADGET

Spesso parliamo della tecnologia come se fosse fine a sé stessa: nuovi smartphone con caratteristiche da top di gamma, ma che in realtà non apportano grandi vantaggi per gli utenti. Ci meravigliamo di un fitness tracker che può tenere sotto controllo il battito cardiaco, ma non sappiamo che esistono altri braccialetti intelligenti che aiutano realmente le persone a combattere i loro problemi quotidiani. Esiste tutto un mondo sotterraneo della tecnologia che spesso non viene trattato ma che si rivela di vitale importanza per milioni di persone. Stiamo parlando dei wearable dedicati alle persone conproblemi di disabilità.

Grazie allo sviluppo della scienza e della tecnologia, malattie che sembravano incurabili, sono molto più semplici da tenere a bada. Anche le persone affette da disabilità possono avere una vita normale e assaporare le gioie e i dolori. Grazie a wearable che sfruttano le migliori tecnologie presenti sul mercato, i sordomuti possono parlare anche con persone che non conosco il linguaggio dei segni, mentre eSight 3sono degli occhiali speciali, che somigliano a quelli di Start Trek, che permettono alle persone considerate legalmente cieche di tornare a vedere. Ma non solo: negli Stati Uniti hanno creato uno speciale dispositivo che traduce i librinel linguaggio braille, dando la possibilità alle persone cieche di leggere immediatamente un testo.
SignAloud

Una delle difficoltà maggiori dei sordomuti è riuscire a comunicare con persone che non conoscono il linguaggio dei segni. Infatti, la percentuale di persone che conosce il linguaggio dei sordomuti è molto esigua e se nei paraggi non è presente qualcuno che lo conosca, la situazione per una persona affetta da disabilità può essere molto difficile. Per risolvere il problema, dei ragazzi statunitensi hanno creato SignAloud, dei guanti che traducono il linguaggio dei segni. Il funzionamento è molto semplice: all’interno dei guanti sono presenti dei sensori che tracciano il movimento delle mani e inviano al computer, tramite Bluetooth, tutti i dati raccolti. Il pc li analizza e associa il movimento a una parola e tramite un sintetizzatore da voce ai sordomuti. SignAloud utilizza un sistema di machine learning per migliorare la traduzione dei segni. I guanti intelligenti potranno essere utilizzati anche per la realtà virtuale, ma gli esperimenti sono ancora nelle fasi iniziali. Il wearable inventato da due ragazzi statunitensi ha ricevuto anche diversi premi.

eSight 3


eSight 3 è uno speciale visore che combatte una delle disabilità più complicate da curare: la cecità. Questo speciale wearable, che ricorda nel design il visore di Start Trek, permette alle persone dichiarate legalmente cieche di tornare a vedere. Logicamente eSight 3 non è dedicato a tutte le persone cieche, ma soltanto a coloro che hanno subito un abbassamento della vista a causa del diabete o una degenerazione maculare. Se ad esempio si è avuto un glaucoma, molto probabilmente il danno è maggiore rispetto alle possibilità “curative” del visore. Per far tornare la vista alle persone legalmente cieche, eSight 3utilizza un sistema di fotocamere per offrire delle immagini chiare e nitide.

Scewo

 Le barriere architettoniche sono il problema più importante che le persone che sono costrette a vivere sulla sedia a rotelle devono affrontare ogni giorno. Salire delle scale o oltrepassare un dosso sono delle azioni semplici per una persona normodotata, ma non per un disabile sulla carrozina. La sedia a rotelle Scewo è stata creata proprio per affrontare il problema della scarsamobilità dei disabili: il dispositivo integra deicingoli che possono essere utilizzati per salire le scale o per affrontare dei tratti più difficili da superare. Inoltre, grazie alla modalità Elevate Mode, le persone possono essere anche sollevate e aiutate a raggiungere un oggetto. Scewo è stata realizzata da un gruppo di ricercatori del Swiss Federal Institute of Technology.

Tactile, la tastiera braille connessa

È possibile tradurre un libro istantaneamente nellinguaggio braille per renderlo disponibile anche per i ciechi? Se la vostra risposta è no, state sbagliando di grosso. Infatti, un gruppo di studenti ha creato Tactile, un dispositivo capace di tradurre un testo nel linguaggio dei ciechi.Tactile può essere definito come una sorta di tastiera braille: il dispositivo dispone di una fotocamera che cattura le parole e le traduce nel linguaggio braille. I puntini presenti sulla tastiera si attivano a seconda della parola e le persone affette da cecità riescono a capire cosa c’è scritto. Ma la caratteristica più interessante di Tactile è il prezzo: infatti, potrebbe costare poco più di 100 dollari, una spesa alla portata di moltissime persone.

ABBI
Abbi è un acronimo e significa “Audio Bracelet for Blind Interaction”. Si tratta di un braccialetto intelligente dedicato alla riabilitazionesensomotoria dei bambini non vedenti: sfrutta la capacità del cervello di integrare le informazioni provenienti dai sensi per indicare ai ragazzi cosa è presente nelle vicinanze attraverso dei suoni. I bambini potranno imparare a orientarsi riconoscendo i rumori provenienti dalla città.
(Fastweb)

Uno smartphone in Braille per chi non vede

Standard

Ideato da un designer indiano, per ora è un prototipo: sarà in commercio entro fine anno

Uno smartphone in Braille che permetterà a chi è cieco o ipovedente di “leggere” testi e immagini sul telefonino e fare chiamate in completa autonomia. Il nuovo cellulare, che per ora è un prototipo, dovrebbe essere in commercio entro fine anno. Gli ultimi test sono in corso al Prasad Eye Institute in India, dove risiede un quinto di tutti i ciechi nel mondo. L’invenzione, infatti, è di un designer indiano, Sumit Dagar, che tre anni fa ha deciso di progettare il “Braille Smartphone” perché il mercato della telefonia ignora gli utenti non vedenti. Ma come funziona? Grazie a un’innovativa tecnologia touch screen converte parole e immagini nel linguaggio che porta il nome dell’ inventore, il francese Braille, divenuto cieco all’età di tre anni in seguito a un incidente.
Lo smartphone trasforma le informazioni sullo schermo, proiettandole sulla superficie. Le immagini diventano tridimensionali e lo stesso accade per i testi, che assumono la forma di bassorilievi in Braille. Lo schermo è composto da una griglia di punti, come i pixel: si solleva in base al contenuto da visualizzare. Nella parte bassa del dispositivo ci sono i classici tasti: “chiama”, “accendi”, “cancella”, “seleziona” . Per comporre i numeri di telefono compare sullo schermo un tastierino numerico ed è disponibile una tastiera qwerty come quella dello smartphone tradizionale.
«Le modifiche fisiche di superfici di materiali piezoelettrici, mediante impulsi elettrici, sono utilizzate da circa vent’anni per far emergere i punti della scrittura braille da righe di speciali display che così riproducono ciò che è scritto sullo schermo del computer – spiega Giulio Nardone, presidente dell’Associazione disabili visivi. Nel caso dello smartphone, è lo stesso schermo che ha la capacità di creare sporgenze percepibili al tatto».

Si apre dunque un mondo nuovo per chi non vede? Nardone è cauto. «Oggi noi ciechi utilizziamo il cellulare servendoci del sintetizzatore vocale che legge tutto ciò che appare sullo schermo – dice -. Anche quando si cammina per strada, per esempio, è possibile parlare al telefono con l’auricolare o ascoltare i messaggi, lasciando l’apparecchio in tasca e reggendo una borsa con una mano e il bastone bianco nell’altra. Non riesco ancora a immaginare i vantaggi sotto il profilo pratico – osserva il presidente dell’Associazione disabili visivi -. Per esempio, un sms di 20 parole, che la voce legge in 5 secondi, occuperebbe almeno 3 schermate del display e ci costringerebbe a usare entrambe le mani, una per reggere l’apparecchio, l’altra per scorrere con i polpastrelli le righe Braille».