Maturità 2019, candidati con disabilità: ammissione, prove e conseguimento titolo

Standard

Pubblicata l’ordinanza ministeriale che disciplina l’esame di maturità 2019, novellato dal D.lgs. 62/2017.

Maturità 2019, prima prova il 19 giugno. Indicazioni per il colloquio. Ordinanza Miur

Vediamo in questa scheda cos’è previsto per i candidati con disabilità certificata: ammissione, prove scritte e orali.

Ammissione all’esame

I requisiti di ammissione sono i medesimi di quelli previsti per tutti gli altri studenti, per cui gli alunni candidati con disabilità certificata sono ammessi all’esame se in possesso dei seguenti requisiti:

  • aver frequentato per almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato;
  • aver conseguito la sufficienza (6) in tutte le discipline, fatta salva la possibilità per il consiglio di classe di ammettere, con adeguata motivazione, chi ha un voto inferiore a sei decimi in una disciplina o in un gruppo di discipline valutate con un unico voto;
  • aver conseguito la sufficienza in condotta.

Tra i requisiti di ammissione, previsti dal D.lgs. 62/2017, vi sono anche la partecipazione alle prove Invalsi e lo svolgimento dell’alternanza scuola-lavoro nel triennio. Tali requisiti sono stati prorogati al 2019/2020 dalla legge n. 108/2018.

Prove scritte

Le prove d’esame e il valore delle stesse, ossia se siano o meno equipollenti, sono stabiliti dal consiglio di classe all’interno del Piano Educativo Individualizzato.
La commissione d’esame, sulla base della documentazione fornita dal consiglio di classe, relativa alle attività svolte, alle modalità di valutazione e all’assistenza prevista per l’autonomia e la comunicazione, predispone una o più prove differenziate.
La commissione può stabilire che il candidato candidati con disabilità svolga la prova in un lasso di tempo differenziato rispetto ai compagni. I tempi più lunghi nell’effettuazione delle prove scritte, non possono di norma comportare un maggior numero di giorni rispetto a quello stabilito dal calendario degli esami. Soltanto in casi eccezionali, la commissione, tenuto conto della gravità della disabilità, della relazione del consiglio di classe, delle modalità di svolgimento delle prove durante l’anno scolastico, può deliberare lo svolgimento di prove equipollenti in un numero maggiore di giorni.
Per la predisposizione, lo svolgimento e la correzione delle prove d’esame, la commissione può avvalersi del supporto dei docenti e degli esperti che hanno seguito lo studente durante l’anno scolastico.
Il docente di sostegno e le eventuali altre figure a supporto dello studente con disabilità vengono nominati dal presidente della commissione sulla base delle indicazioni del documento del consiglio di classe, acquisito il parere della commissione.
Per la correzione delle prove d’esame sono predisposte griglie di valutazione specifiche, in relazione alle prove differenziate.
I testi della prima e della seconda prova scritta sono trasmessi dal Ministero anche in codice Braille per i candidati non vedenti, previa richiesta della scuola. Per i candidati, che non conoscono il codice Braille, si possono richiedere ulteriori formati (audio e/o testo) oppure la Commissione può provvedere alla trascrizione del testo su supporto informatico, mediante scanner fornito dalla scuola, autorizzando comunque l’utilizzazione di altri ausili idonei, solitamente usati nell’ambito dell’attività scolastica ordinaria.
I testi della prima e della seconda prova scritta, infine, per i candidati ipovedenti, sono trasmessi in conformità alle richieste delle singole scuole, che indicano su apposita funzione SIDI tipologia, dimensione del carattere e impostazione interlinea.

Prove equipollenti

Se le prove differenziate hanno valore equipollente a quelle ordinarie (secondo quanto indicato nel PEI), le stesse determinano il rilascio del titolo di studio conclusivo del secondo ciclo di istruzione.
Nel diploma finale non viene fatta menzione dello svolgimento di prove differenziate.

Prove non equipollenti, mancato svolgimento di uno o più prove, assenza agli esami

Nel caso in cui il candidato candidati con disabilità svolga prove non equipollenti a quelle ordinarie o non partecipi all’esame o non svolga una o più prove, lo stesso non consegue il titolo di studio ma un’attestazione di credito formativo.
La predetta attestazione riporta gli elementi informativi riguardanti l’indirizzo e la durata del corso di studi, le discipline comprese nel piano di studi e la durata oraria complessiva destinata a ciascuna delle valutazioni, anche parziali, riportate in sede di esame.
I candidati, che si trovino nella situazione sopra decritta (ossia svolgano prove non equipollenti o non partecipino all’Esame o non svolgano una o più prove scritte), sono ammessi alla prova orale, con l’indicazione sul tabellone dei risultati delle prove scritte, rapportati in quarantesimi. Il punteggio complessivo delle prove scritte risulterà a verbale e potrà essere calcolato in automatico con l’utilizzo dell’applicativo “Commissione web” o, in alternativa, determinato proporzionalmente.
L’indicazione dello svolgimento di prove differenziate è riportata soltanto nell’attestazione e non nelle tabelle pubblicate all’Albo dell’istituto.

Prova orale

A ciascun candidato la commissione sottopone i materiali predisposti dalla stessa in coerenza con il piano educativo individualizzato, da cui prende avvio il colloquio.
L’articolo 20/7 così dispone:
A ciascun candidato la commissione sottopone i materiali di cui all’art. 19,
comma 1, secondo periodo, predisposti in coerenza con il piano educativo individualizzato, da cui prende avvio il colloquio.
Il summenzionato articolo 19 prevede che la commissione predispone i materiali per il colloquio e li propone come indicato successivamente, ossia tramite sorteggio. Maturità 2019, come si svolge il colloquio. Tre buste per “rompere il ghiaccio”.

Anche per i candidati con disabilità, dunque, dovrebbe essere prevista la scelta fra tre buste, contenenti i materiali con cui dare avvio al colloquio, predisposti secondo quanto previsto dal PEI.

Candidati ammessi all’ultimo anno ad un percorso di studio conforme alle Linee Guida e alle Indicazioni Nazionali

L’articolo 20/10 dell’OM così dispone:

“Agli studenti ammessi dal consiglio di classe a svolgere nell’ultimo anno un percorso di studio conforme alle Linee guida e alle Indicazioni nazionali e a sostenere l’esame di Stato, a seguito di valutazione positiva in sede di scrutinio finale, è attribuito per il terzultimo e penultimo anno un credito scolastico sulla base della votazione riferita al piano educativo individualizzato”

Si tratta dunque di studenti che sino al quarto anno hanno seguito una programmazione differenziata. Avendo poi seguito nel corso del quinto anno una programmazione conforme a quella della classe, potranno conseguire il titolo, per cui agli stessi va attribuito il credito del terzo e del quarto anno secondo le votazioni ottenute in riferimento alle attività previste dal PEI.

GIU’ LE MANI DAL GLHO – GIU’ LE MANI DAL PEI – LA PETIZIONE

Standard

SE VUOI FERMARE QUESTO ATTO DI GRAVE ILLEGITTIMITA’, SE VUOI TUTELARE GLI ALUNNI CON DISABILITA’, FIRMA LA PETIZIONE

Siamo dei genitori con figli con disabilità che frequentano la scuola appartenenti a più Regioni d’Italia, abbiamo appreso che il Governo ha intenzione di volere portare a termine il pessimo lavoro di smantellamento dei diritti degli alunni con disabilità che il precedente governo aveva attuato con l’approvazione del DLGS 66 del 2017 (denominato beffardamente decreto
per la promozione dell’inclusione scolastica!).
• Questo governo intende approvare una riforma che toglie del tutto il potere attribuito
per legge al GLHO, (Gruppo di lavoro Operativo per l’alunno con disabilità), nell’ambito della redazione del PEI di indicare le ore di sostegno necessarie per l’alunno/a con disabilità di qualunque tipo;
• Il GLHO come tutti sanno è quel gruppo pluridisciplinare composto da: docenti di
sostegno, docenti non di sostegno, operatori sanitari e con la partecipazione della famiglia che ha il delicato compito attribuitogli dalla legge 104 del 1992 e dal DPR di attuazione 1994 di redigere congiuntamente ogni anno scolastico il PEI (Piano educativo individualizzato) in favore dell’alunno con disabilità;
• Come è noto il potere e l’obbligo al GLHO di INDICARE LE ORE DI SOSTEGNO NEL PEI è stato attribuito per legge, dal comma 5 dell’art. 10 Dl. 2010 n. 78, conv. in legge
2010 n. 122, secondo questa norma, introdotta dopo la famosa sentenza della Corte Costituzionale n. 80 del 2010, per garantire nella sua effettività il diritto allo studio e all’istruzione dell’alunno con disabilità, solo il GLHO, che conosce la storia e la vita dell’alunno/a può avere il potere di indicare le ORE ritenute necessarie per garantire il diritto allo studio e all’istruzione.
IL NUOVO GOVERNO, PURTROPPO, IN CONTINUITA’ CON IL PRECEDENTE, VUOLE ABROGARE QUESTA NORMA DI FATTO NEUTRALIZZANDO, ANZI AZZERANDO, I POTERI DEL GLHO IN ORDINE ALL’INDICAZIONE DELLE ORE DI
SOSTEGNO!
ECCO COME VUOLE FARLO
Nel testo del Dlgs 66 del 2017 (Decreto per la promozione dell’Inclusione degli alunni con disabilità) l’art. 18 comma 1 lettera a) prevede l’abrogazione del terzo e del quinto periodo del comma 5 dell’art. 10 Dl. 2010 n. 78, conv. in legge 2010 n. 122, cioè in parole semplici della norma di legge che attribuisce oggi i poteri al GLHO di indicare le ore di sostegno nel PEI (di fatto neutralizzando i compiti del GLHO, il quale non avrebbe più il potere di indicare le ore necessarie per l’alunno/a con disabilità).
Quindi il GLHO per la sua composizione pluridisciplinare e la partecipazione della
famiglia, l’unico che conosce la storia, la vita, le capacità, le potenzialità dell’alunno/a
con disabilità, non avrebbe più nessuno potere di personalizzare il PEI con riferimento alle ore di sostegno!
Nessun altro organo però può sostituire il gruppo GLHO!
Noterai che l’art. 7 del DLGS 2017 n. 66, “Piano Educativo Individualizzato” non prevede il potere del GLHO di indicare le ore, perché una volta abrogata per legge la norma che oggi attribuisce questo potere al GLHO, quest’ organo finirà per occuparsi di altro!
Non avrà più il potere di indicare le ore di sostegno necessarie per l’alunno/a con disabilità!

TUTTO CIO’ PERO’ E’ GRAVISSIMO PERCHE’ E’ ILLEGITTIMO, LEDE IL DIRITTO FONDAMENTALE DEGLI ALUNNI CON DISABILITA’ ALLO STUDIO
E ALL’ISTRUZIONE – LE FAMIGLIE PERDEREBBERO UN PUNTO DI
RIFERIMENTO FONDAMENTALE PER LA VITA DEI LORO FIGLI DOVE
POTERSI CONFRONTARE NELL’ AMBITO DELLA REDAZIONE DEL PEI PER
L’INDICAZIONE DELLE ORE DI SOSTEGNO AI LORO FIGLI.
QUALORA CIO’ DOVESSE AVVENIRE PORTEREBBE AD UNA LESIONE
IRRIMEDIABILE DEI DIRITTI DEGLI ALUNNI CON DISABILITA’ E UN TAGLIO PROBABILMENTE MOLTO RILEVANTE DI DOCENTI DI SOSTEGNO.
PERCHE TALE TENTATIVO E’ ILLEGITTIMO.

Perché ciò determina un abuso palese sia dell’oggetto della delega, sia dei principi e
criteri direttivi contenuti nella legge 107/2015 legge sulla buona scuola), che non (ha mai previsto un ipotesi di tale genere, né può ritenersi che il potere del governo possa estendersi fino al punto di ledere irrimediabilmente i diritti costituzionali degli alunni con disabilità.
Nessuno dei criteri o dei principi direttivi, per non parlare dell’oggetto della delega, contenuti nella lettera c) del comma 181 L. 107 del 2015, fa riferimento alcuno alla possibilità per il legislatore delegante di intervenire normativamente sulla possibilità “ di neutralizzare il potere del GLHO nell’ambito della redazione del PEI, un potere giuridico sostanziale attribuitogli per legge, quale è quello di indicare le ore necessarie ed effettive di sostegno che ogni singolo alunno/a ha diritto a usufruire seconda la necessaria personalizzazione
caso per caso, che solo questo specifico organo che conosce la storia e la vita
dell’alunno/a è in grado di realizzare in collaborazione con la famiglia.
Tale operazione è manifestamente illegittima, non è possibile operarla, qualunque siano le ragioni che impongono la soppressione dei poteri del GLHO nell’ambito della redazione del PEI, con specifico riferimento all’ indicazione delle ore di sostegno necessarie, quand’anche
fossero, come temiamo, ragioni di carattere finanziario, si andrebbero a scontrare con i limiti invalicabili che i diritti fondamentali impongono al legislatore, come ha più volte ha ribadito la Corte Costituzionale affermando che: “ i diritti sociali sono diritti fondamentali;
l’art. 38 è norma vincolante per il legislatore; un diritto fondamentale costituisce un
limite invalicabile alla discrezionalità del legislatore che è tenuto a renderlo effettivo,
affinchè la sua affermazione non si traduca una mera previsione programmatica, ma
venga riempita di contenuto concreto e reale (Cost. n. 80/2010 e 2016/275).
Gli alunni con disabilità e le famiglie sarebbero privati i primi di un loro diritto certo e soggettivo, le famiglie di uno strumento di tutela qualora il diritto dei loro figli venisse negato!
Si determinerebbe con molta probabilità un taglio notevolissimo di posti sul sostegno per i docenti specializzati, malgrado i dati dello stesso MIUR riportano una carenza di cattedre sul sostegno impressionante dovuta anche all’aumento ogni anno degli alunni con disabilità;
Dai dati MIUR emerge infatti che nell’ultimo anno 2016/2017, circa 51.949 docenti di fatto, (su cui si avvicendano ogni anno docenti precari specializzati, docenti di ruolo in assegnazione provvisoria e docenti non specializzati), hanno coperto cattedre sul sostegno:
Dunque le cattedre ci sono, i posti sul sostegno sono in abbondanza, gli alunni con disabilità crescono ogni anno, eppure il governo anziché stabilizzare tutti i docenti precari specializzati e di ruolo specializzati su tutti i posti disponibili sul sostegno e garantire in questo modo una vera ed effettiva continuità didattica, mira a togliere i poteri al GLHO, non vuole che sia
quest’ organo a dare le ore di sostegno agli alunni con disabilità, vuole che sia un organo
amministrativo ( il GIT?), ( la commissione prevalentemente sanitaria che dovrà redigere il profilo di funzionamento?) a indicare le ore di sostegno, (cioè un organo periferico del MIUR il primo e a prevalenza sanitaria il secondo!), che non conoscono nessuno degli alunni con disabilità e dovrà stabilire le ore che saranno necessarie tenendo conto delle esigenze di risparmio delle risorse.

PER TUTTO CIO’ CHIEDIAMO
Al Sig. Ministro dell’ Istruzione, della Ricerca e dell’ Università, Prof. Bussetti, che noi non
ci stiamo, non commetta l’errore di portare avanti la neutralizzazione dei poteri del GLHO con riferimento all’ indicazione delle ore di sostegno necessarie per gli alunni con disabilità, lei sa bene come noi, essendo stato un docente di sostegno, che non esiste nessun altro organo che può sostituirsi al GLHO in questo compito delicatissimo per la vita degli alunni e per la garanzia del loro diritto allo studio, all’ istruzione e all’inclusione scolastica.
Pertanto le chiediamo di sopprimere l’art. 18 del Dlgs 66 del 2017, nella parte in cui mira ad abrogare la norma di legge che oggi attribuisce al GLHO il potere di indicare le ore di sostegno, riconoscendogli i medesimi poteri che oggi questo organo ha per legge e
riconsegnando alle famiglie i diritti per i loro figli.

SE VUOI FERMARE QUESTO ATTO DI GRAVE ILLEGITTIMITA’, SE VUOI TUTELARE GLI ALUNNI CON DISABILITA’, FIRMA LA PETIZIONE
Facciamo sentire alta la nostra voce urlando:
GIU’ LE MANI DAL GLHO – GIU’ LE MANI DAL PEI

LA RETE DEI 65 MOVIMENTI PER IL SOSTEGNO CHIEDE IL RITIRO DELLA DELEGA SOSTEGNO

Standard

​In questi giorni, direi in queste ore, in Parlamento sono in discussione il decreti attuativi della legge 107 sulla Buona Scuola nella parte che riguarda il sostegno agli alunni con disabilità e,  conseguentemente, il loro diritto allo studio. Inoltre si sta affrontando una modifica molto importante della legge 104/92 ossia la norma che sancisce i diritti di una persona con disabilità.  Nella fattispecie si intende modificare l’attuale quando normativo in relazione alle ore di sostegno spettanti allo studente con disabilità, quale sia il soggetto istituzionale che debba stabilire ciò, il numero dei docenti necessario, ma anche se gli studenti di licenza media possano continuare a conseguire il diploma attraverso prove equipollenti come previsto dalle leggi in vigore. Queste per citarne solo alcune. 

A fronte di tutto ciò si sono e si stanno opponendo con forza tante associazioni e gruppi di familiari, ma non solo, che si sono unite nella Rete dei 65 Movimenti per il Sostegno che con un documento ufficiale chiedono il ritiro da parte del Governo di tutte le deleghe in discussione in Commissione e che, oltre a non partecipare alle audizioni previste, sarà in Piazza Montecitorio il prossimo 23 Febbraio dalle ore 14 alle 19 proprio per chiedere il ritiro delle deleghe. 

Qui di seguito il comunicato rilasciato da la Rete dei 65 :

La rete dei 65 movimenti per il sostegno (composta da associazioni, genitori e gruppi docenti), dopo aver ascoltato il video dell’On.le Malpezzi sulla delega inclusione, 

chiede il ritiro della delega sostegno, Atto n. 378  –  Schema di decreto legislativo recante norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità

Emendare tutto il testo non ha senso, va assolutamente ripristinata la legge 104 del 92, depotenziata dalla Legge delega.

Bisogna restituire la licenza media agli studenti con disabilità. E’ inumano infatti negare la licenza media, come previsto dalla delega 384, ai ragazzi che presentano delle disabilità, se non sosterranno prove equipollenti.

Lo snellimento burocratico relativo all’accertamento della disabilità, propagandato dal Governo, non c’è, anzi si allungano i tempi a 60 giorni contro i 6 giorni che servivano prima per attestare la condizione di disabilità e attivare così le tutele di legge.

Questo decreto attuativo finge di promuovere l’inclusione, in realtà attiva meccanismi perversi, anche quando rilancia il comma 79 della Legge 107 secondo cui il DS può assegnare lo studente con disabilità ad un docente di classe che abbia la specializzazione per le attività di sostegno. E’ questa l’inclusione?
Il PEI, nella sua elaborazione, sganciato dalla collaborazione dei servizi socio-sanitari e dalle famiglie non ha alcun senso.

Con la delega 378 è stato istituito il GIT (Gruppo per l’inclusione territoriale) di ambito, organo politico avulso dalle reali esigenze degli studenti con disabilità, composto da 4 ds e 2 docenti scelti dai ds.
Il Git d’ambito sostituisce i Gruppi di lavoro provinciale (110 gruppi), i Gruppi di studio e di lavoro (uno per ogni istituzione scolastica: 8.519), i Gruppi per la stesura del PEI (uno per ogni alunno con disabilità).

Il GIT avrà sede presso gli USR, i membri sono scelti dal Dirigente dell’USR, e avrà lo scopo di  razionalizzare le risorse.
 Con tale riforma, si passa così da circa 234 mila gruppi di lavoro per l’integrazione scolastica a soli 300 GIT che razionalizzarenno le risorse sulle ore di sostegno da assegnare agli studenti, senza tener conto della sentenza di Corte costituzionale, la 80 del 2010 che deroga ai risparmi di spesa in nome del diritto all’istruzione degli studenti con disabilità. Pertanto il GIT è inaccettabile.

Dalle commissioni mediche sono stati esclusi i rappresentanti dell’Associazione di stato ANIMC, non ne comprendiamo il motivo.
Anzi è chiaro che non si vogliono i difensori degli invalidi civili per i tagli che saranno operati dal medico INPS, inserito in commissione medica, proprio per tale motivo.
Per le famiglie, le associazioni e i docenti di sostegno, anche la formazione universitaria, prevista dalla legge delega,  lascia a desiderare. Una maggiore formazione, in termini di crediti universitari, occorrerebbe per un docente specializzato.

 L’onorevole Malpezzi come abbiamo già visto per la legge 107, tenta di placare gli animi sulla rivolta in atto negando che vi siano tagli, ma dovrebbe sapere che con questa delega si negano invece i diritti degli studenti con disabilità.

La Rete dei 65 Movimenti per il Sostegno è così composta:

Partigiani della scuola Pubblica

Insegnanti calabresi

Associazione Nazionale ILLUMIN’ITALIA

Docenti per la scuola Statale Pubblica

Docenti campani

#Waterlooscuola

CO.GE.DE. Liguria (Comitato genitori democratici)

Associazione Nazionale Onlus “Per La Scuola della Repubblica” Roma

A s. I. S. ASSOCIAZIONE INSEGNANTI DI SOSTEGNO Associazione professionale istituita nel 1991 , Atto notarile, Rep. 9699, Rac. N. 4962, registrato a Reggio Calabria l’1.2.1991, n. 247, v.1

Associazione Scuola Daneo – Sal. Concezione 2 – 16124 Genova

Azione civile Area Scuola

Mondo disabile

Coordinamento SOS Scuola Genova

Associazione Bal.ga.sar. (Baliano, Garaventa,Sarzano) – Genova

Comitato LIP Vicenza per la Difesa della Scuola pubblica

Comitato LIP Lamezia per la Difesa della Scuola pubblica

Coordinamento scuole Viterbo

La scuola dice no” di viterbo

“Associazione solidarietà cittadina” di Viterbo

Genitori tosti in tutti i posti Onlus (Verona)

Comitato bolognese Scuola e Costituzione

Comitato L’autismo parla – genitori di Palermo

Comitato disabilità Municipio X – Roma

Blindsight project ONLUS

ODS ( Osservatorio diritti scuola), Palermo

Professione insegnante

Associazione 20 novembre 1989

Comitato Genitori Co.Ge.Pace (prov. Monza Brianza)

Comitato 8000 esiliati FASE B GAE

Insegnanti di Sostegno

Anaca Associazione Nazionale Assistenti alla Comunicazione ed Autonomia. Presidente Dott.ssa Elisa Artosi.

Associazione onlus di genitori alunni sordi IL SENTIERO DORATO. Presidente Manola Scimionato.

Cooperativa sociale integrata Una mano tira l’altra. Presidente Emanuela Monti

Movimento nazionale docenti specializzati 2 Gi

Unione docenti di sostegno in via di estinzione

Coordinamento nazionale del Personale educativo

Scuola, tutti uniti per resistere

Referendum abrogativo scuola – Comitato nazionale leaders

comitati nazionali “leadership alla scuola “

Aca Sicilia, Assistenti Autonomia e Comunicazione

A.Ge. Roma Capitale

Rete spontanea genitori “Immischiati A Scuola”

Happy time infernetto Onlus

Docenti consapevoli

Associazione La chiocciolina

Gruppo No Invalsi Roma

Associazione autismo (Roma) “I mille colori dell’albero della vita” .

Presidente Gianni Puglia

Associazione “Piccolo Principe” di Catania

Co.N.GaE (comitato Nazionale docenti in Gae)

Coordinamento Nazionale Docenti Gae

Onlus L’abbraccio di Uma associazione nazionale

Coordinamento Nazionale Adida

Associazione Un nuovo giorno di Palermo

Associazione Adelante di Palermo

Associazione Un nuovo giorno di palermo

 Comitato per i Referendum Sociali di Pistoia

Docenti resistenti

Associazione genitori AFISBI Roma

Coordinamento Nazionale TFA

Coordinamento Scienze della Formazione primaria Nuovo Ordinamento

Aisw Lazio Onlus

ANPE  Associazione Nazionale pedagogisti Sezione Sicilia

Insieme per l’autismo Onlus 

Aisw Piemonte-Val D’Aosta

AIPD sezione Alcamo

Associazione abilmente uniti di Mazara del Vallo

Lavoratori autoconvocati delle scuole di Roma e Lazio

Occupabilità e inclusione sociale: Unisi per la disabilità

Standard

Prendendo spunto da questo articolo mi permetto di riportare un fatto storico di cui penso non si abbia conoscenza. Nel 2003 il CUD (Centro Universitario per la Disabilità) dell’Università degli Studi di Palermo e, per iniziativa del Prorettore per la Disabilità del tempo (Prof. Gianfranco Cupidi), stava realizzando, oltre ai numerosi servizi che già il Centro stesso offriva, un progetto di inserimento lavorativo post-laurea degli studenti con disabilità. Nella fattispecie era già stato firmato un protocollo d’intesa tra le tre maggiori Università siciliane (Palermo, Messina e Catania) e avviati contatti con diverse aziende per dare l’opportunità agli studenti neolaureati di non sprecare il risultato ottenuto offrendo loro occasioni di lavoro o di formazione post-laurea direttamente nelle aziende coinvolte. Con rammarico questo progetto non vide la luce a causa della prematura scomparsa del Prof. Cupidi.
________________

L’Ateneo senese è la prima università in Italia ad aver attivato questo percorso

Focus su occupabilità e inclusione sociale all’Università di Siena: è attivo il nuovo servizio di accompagnamento al curriculum che permette ai giovani con disabilità di presentarsi alle aziende e al mondo del lavoro in modo efficace, mettendo in evidenza le proprie capacità e competenze.
L’Ateneo senese è infatti la prima università in Italia ad aver studiato e realizzato uno strumento di accompagnamento al lavoro che, insieme al curriculum, può fornire alle aziende che cercano profili professionali adeguati alle loro necessità un quadro chiaro ed esauriente della persona, evidenziandone le caratteristiche individuali.
Si tratta di un questionario che permette, attraverso specifiche domande su comunicazione, abilità quotidiane, socializzazione e abilità motorie, di descrivere la persona mettendo in evidenza non ciò che non sa fare a causa della disabilità, ma le sue capacità, competenze e risorse personali.
Lo strumento, già in uso in Ateneo in fase di sperimentazione, è nato dalla collaborazione tra l’ufficio Accoglienza disabili e il Placement office – Career service dell’Università di Siena, ed è stato costruito con l’aiuto di uno psicologo esperto di ICF (Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute) e con la collaborazione di Confindustria per focalizzare le concrete esigenze delle aziende.
Obiettivo del progetto è sostenere e aiutare tutti gli studenti e i neolaureati a valorizzare le loro risorse, attraverso un’approfondita analisi delle proprie attitudini, motivazioni e competenze, per costruire un progetto professionale efficace e coerente con il proprio percorso di studio.
Il nuovo servizio per l’occupabilità e l’inclusione sociale si inserisce nell’ampia offerta di servizi di placement e consulenza individuale messi a disposizione degli studenti dell’Ateneo per supportarli nella ricerca attiva di lavoro, consultabili sul portale dell’Università di Siena alla pagina www.unisi.it/placement.

Per informazioni:
placement@unisi.it
uffdisabili@unisi.it.

(ilcittadinoonline.it)

La mia “Maturità”

Standard

Ovviamente mi riferisco ai miei esami di maturità visto che oggi sono iniziati quelli dei maturandi di quest’anno. Vi racconto i miei.

Innanzitutto c’è da dire che io non ho potuto frequentare i normali anni scolastici presso un liceo ma ho preparato anno per anno da “esterno” sostenendo ad ogni fine anno scolastico presso un istituto di scuola superiore gli esami di idoneità per l’anno successivo.
Arrivato al quinto anno sorse un grande problema. Avendo scelto come percorso quello del liceo linguistico non c’era una sede locale, a Palermo, dove sostenere gli esami di maturità ma sarei dovuto partire per sostenere l’esame in un’altra città come Cortina d’Ampezzo, Genova o Torino solo per dirne alcune e comunque tutte al nord. Sarebbe stato per me fonte di ulteriore stress, come se già non lo fosse stato quello dato dall’esame in sé, quello di dover affrontare un lungo e difficoltoso viaggio. Trovammo (coi miei genitori) una soluzione fattibile ma di dubbia applicazione ossia quella di  una commissione domiciliare per sostenere gli esami di maturità a casa. Dico dubbia perché comunque era pur sempre il 1996 (per poi gli esami del 97) quando richiedemmo al Ministero dell’Istruzione l’autorizzazione a questa modalità di esami e quelli degli anni 90 erano altri tempi per la disabilità (considerando che la legge 104 è del 92!). In ogni caso io cominciai la mia preparazione come ogni anno, iniziando ad ottobre per poi concludere a luglio, studiando ogni pomeriggio dopo la fisioterapia della mattina senza comunque sapere come avrei sostenuto gli esami finali. Per tutto il periodo di studio mia madre mi aveva organizzato una e vera propria scuola a casa con un/a professore/ssa per ogni materia, persone amorevoli che ancora ricordo e ringrazio per il sostegno.

Durante quella stagione 1996/97 arrivò finalmente la tanto attesa autorizzazione ministeriale, come pure arrivò puntuale come un orologio svizzero il momento in cui iniziare gli esami. Fui quindi affidato ad una commissione esterna valutatrice di un Istituto ad indirizzo linguistico di Termini Imerese (PA).

Ora dire che fu una breve Odissea non vi deve sembrare una esagerazione.
In realtà io ero già abituato alla modalità di esami che avrei dovuto affrontare perché ogni anno per gli esami di idoneità sostenevo 4 scritti e l’orale, suddiviso in due giorni, di tutte le materie anzi, se non fosse stato per l’enorme importanza dell’esame in sé, in realtà sarebbe stato più “leggero” perché gli scritti sarebbero stati “solo” due.
Dov’è stato, quindi, lo stess e l’enorme difficoltà? Adesso cercherò di rappresentarvelo: considerate che ho sostenuto i due scritti (il primo ad usare il PC per lo scritto di maturità con verbalizzazione dell’elaborato stampato e floppy disk nn più sovrascrivibile allegato) con un insegnante della commissione e una ispettrice ministeriale (con tanto di busta delle prove accompagnata dai Carabinieri) seduti davanti a me le quali non si sono mosse dalla stanza per tutte le ore concessemi per eseguire lo scritto. Considerate che per lo scritto di italiano avevo la professoressa d’inglese e che per quello di inglese la professoressa di italiano, logico no? Quindi non ho avuto ne l’aiuto che una classe di compagni è solita dare, ne quello di un insegnante della materia che magari potesse darmi qualche suggerimento utile. Ma il vero scoglio non fu questo e neanche l’orale di tutte le materie che avrei sostenuto nei giorni seguenti.
Per farla breve la Commissione era venuta a svolgere il suo oneroso compito col pregiudizio di dover “regalare” il diploma di maturità ad una persona invalida in carrozzina ovviamente con un voto molto basso, quanto sufficiente a superare l’esame!
A scoprire tutto questo fu mia madre, con l’intelligenza e la capacità di capire al  volo le situazioni che l’ha sempre contraddistinta, parlando con  la professoressa di italiano durante una pausa che prese per fumare una sigaretta prima di tornare alla sorveglianza del candidato. Ne seguì una veemente telefonata al Provveditorato agli Studi da parte nostra chiedendo e pretendendo di essere esaminato e valutato per la mia preparazione e non per “altro“!
Bene, agli orali ovviamente venni “spolpato” ma non solo feci (modestamente) la mia ottima figura essendo ben preparato ma anche caricato a pallettoni (incazzato in realtà) dopo quello che avevamo scoperto, ma addirittura il professore di filosofia, un salesiano, venne fuori dalla stanza dove stavo sostenendo gli orali chiedendo ai miei, che non assistevano agli esami per mia scelta, di procurare dei dolci e magari dei fiori per le insegnanti per festeggiarmi per quanto la mia preparazione li avesse sorpresi in barba al loro iniziale pregiudizio!

Traete voi stessi il valore da tutto ciò nella speranza che nella scuola di oggi certe situazioni non si verifichino più.

di Giovanni Cupidi

Gli studenti di serie B: “buona scuola” e disabilità

Standard

Su “La Repubblica” di ieri Adriano Sofri, solitamente molto attento ai temi sociali, interviene su un aspetto particolare della riforma della scuola entrando nel merito della delega al Governo per la revisione del ruolo e delle competenze degli insegnanti di sostegno (I professori di serie B, 21 maggio 2015).

Nel pezzo di Sofri vi è più di un’imprecisione. Innanzitutto quella delega va riempita di contenuti ed indicazioni operative, ma non è un mistero che l’intento sia di rifarsi alla specifica proposta di legge (A.C. 2444) promossa dalle Federazioni delle associazioni delle persone con disabilità e dei loro familiari (FISH e FAND) e frutto di un lungo confronto con il Ministero. Quindi l’esigenza di una riforma del ruolo e delle competenze dell’insegnante di sostegno parte proprio “dal basso”, dai primi portatori di interessi, dall’intenzione di garantire innanzitutto il miglior diritto allo studio delle persone con disabilità.

Nell’Anno scolastico 2014/2015 gli studenti in Italia sono 7 milioni 900 mila con 728.325 insegnanti.

Gli insegnanti di sostegno sono 101.000 circa per una popolazione di studenti con disabilità di circa 207.000. L’organico degli insegnanti di sostegno è quindi in un rapporto 1 a 2. Il rapporto tra docenti di sostegno e docenti curricolari è di 1 a 7.

L’organico di sostegno non può essere considerato in sofferenza a meno che non si interpreti quell’insegnante come assistente personale. Ma non è quello il ruolo: per quel ruolo sono previsti gli assistenti educativi e alla comunicazione e gli assistenti materiali.

Il ruolo dell’insegnante di sostegno è quello del facilitatore, di essere il “ponte” fra l’alunno con disabilità, il docente, il gruppo classe. E questo ruolo impone alcuni presupposti.

Il primo è una specifica formazione in pedagogia speciale. Il sostegno adeguato lo si garantisce non con le inclinazioni personali o con una innata sensibilità, ma con specifiche competenze.

Va, quindi, riconosciuta e rimarcata, all’interno del corpo docente, la funzione educativa dell’azione di sostegno, non certo sostitutiva di specifiche figure assistenziali.

Tali figure assistenziali devono essere garantite su tutto il territorio nazionale in modo omogeneo, ma per le note vicende relative a fondi e frammentazioni delle competenze non lo sono. In queste sacche di disomogeneità l’insegnante di sostegno finisce per assumere ruoli di assistenza materiale, se non riabilitativa.

Il sostengo ha dunque un ruolo, una mansione, delle competenze precise. Non si comprende quindi perché qualunque disciplina non sia intercambiabile, il sostegno sì. Ecco la discriminazione: la marginalità. Tutte le discipline sono intoccabili, ma tutti, al contempo, possono – nel regime attuale – gestire il sostegno.

Nella realtà dei fatti la situazione assume connotazioni assai gravi di rinnovata marginalizzazione e confinamento.

Primo fra tutti il fenomeno crescente delle cosiddette “classi di sostegno” (da 5 a 7 alunni con disabilità con 1 – 2 insegnanti di sostegno): un ghetto illegale!

E ancora: insegnanti di sostegno senza alcuna formazione che usano quel ruolo per maturare punteggio nella propria classe di concorso (cosa consentita solo in questo caso), col risultato di dare scarse risposte all’alunno con disabilità e di praticare concorrenza sleale ad altri precari che non scelgono questa scorciatoia. Avere il coraggio di denunciare questo fenomeno – lo sapevamo – infastidisce interessi consolidati e visioni corporative che hanno poco a che vedere con il diritto allo studio e la qualità dell’educazione.

Per questi motivi riteniamo benvenuti i tentativi di sanare queste distorsioni, di garantire ai nostri figli una prospettiva diversa da quella del parcheggio in corridoio assieme al bidello.
(fishonlus.it)

di Giovanni Cupidi

DISABILITÀ, CITTADINANZATTIVA: NELLE SCUOLE MOLTI OSTACOLI E ACCESSIBILITÀ LIMITATA

Standard

Rapporto nazionale su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola. Lo studio denuncia che il 27% delle scuole ha scalini all’ingresso, l’ascensore è assente nel 35% degli edifici. Barriere architettoniche nel 19% dei laboratori, nel 18% delle palestre, nel 15% dei cortili, nel 13% delle aule. Nel 23% delle scuole, poi, non esistono bagni per persone disabili

“Nelle scuole italiane ci sono 207.244 studenti disabili”. È quanto emerge dall’XI Rapporto nazionale su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola, realizzato da Cittadinanzattiva e presentato oggi a Roma sulla base dei dati raccolti nel corso del monitoraggio civico di circa 160 scuole su tutte le regioni del Belpaese, ad esclusione di Valle D’Aosta e Liguria.
Per quel che riguarda l’accessibilità e servizi per gli studenti con disabilità, lo studio denuncia che il 64% delle scuole monitorate ha posti auto per disabili nel cortile o nel parcheggio interno. Il 27% ha invece scalini all’ingresso, l’ascensore e’ assente nel 35% degli edifici e non e’ funzionante nell’11% di quelli che ne sono dotati. E ancora barriere architettoniche nel 19% dei laboratori, nel 18% delle palestre, nel 15% dei cortili, nel 13% delle aule. Nel 23% delle scuole poi non esistono bagni per disabili, e il 15% di essi presenta barriere architettoniche.
Il 26% delle scuole, nella gran parte delle aule, non ha sufficiente spazio per la presenza di una carrozzina mentre il 44% delle aule non ha banchi adatti o adattabili per una persona in carrozzina. Nel 57% dei casi, non ci sono in aula attrezzature didattiche o tecnologiche per facilitare la partecipazione alle lezioni degli studenti con disabilità. Non ci sono tavoli o postazioni adatte ai disabili in carrozzina nel 28% dei laboratori, nel 18% delle biblioteche e nel 17% delle mense. In una scuola su 4 sarebbe, secondo quanto rilevato dall’approfondita analisi di Cittadinanzattiva, è un problema gestire l’evacuazione dall’edificio degli studenti con disabilità motoria in caso di emergenza, perché nel 24% non esistono percorsi sicuri e praticabili che non comportino l’uso dell’ascensore o del servoscala. A ciò si aggiunge, infine, che nel 27% degli edifici monitorati le piantine dei percorsi di evacuazione non sono visibili da persone in carrozzina.
(superabile.it)

di Giovanni Cupidi