Emozionarsi col surf? Sì può, grazie a RE-ABLElifeSURF

Standard

Cinquant’anni. «Faccio la solita festa?» dice Federico, surfista da quando ne 15 di anni. «Qualche mese prima del mio compleanno ero uscito in mare con ex surfisti che non riuscivano a rimontare l’onda perché disabili. E se dovesse accadere a me? Se dovessi finire in carrozzina? Il surf è tutta la mia vita». E allora parte un regalo speciale e la festa di Federico si trasforma in una raccolta fondi che passa per Facebook facendo offerte per l’acquisto di una maglia fatta ad hoc per l’evento, diventa un gruppo che si allarga, e arriva fino in Germania, e in Spagna: seicento surfisti, amici, conoscenti e sconosciuti mettono insieme quasi diecimila euro e Federico può festeggiare i suoi cinquant’anni. Con i fondi raccolti comprano due motori wave jet da applicare alla tavola per rimontare e cavalcare il picco dell’onda senza fatica, e possono farlo persone con disabilità. Non c’è più bisogno di fare sforzi con le braccia o con le gambe e il surf può essere un divertimento per tutti, anche quando non ci sono le onde.

Abbattere le barriere con un motore e il wi-fi

«È nato come un atto egoistico il mio, lo so, ma adesso abbiamo abbattuto una barriera e con queste due tavole anche le  persone con disabilità riescono a fare ciò che prima non era pensabile: possono andare in mare e provare l’emozione di planare l’onda o farsi una passeggiata in mare senza usare i remi». Una tecnologia, quella del motore applicato alla tavola (wifi e in totale sicurezza), che negli Stati Uniti viene già utilizzata anche da surfisti non disabili e che oggi, a Livorno, grazie al progetto di Federico Mantovani, può avvicinare sempre più persone a questo sport: il sistema di controllo del motore elettrico avviene tramite un dispositivo wireless indossato al polso che permette di gestire la velocità in libertà. La tavola poi è stata appositamente adattata per le esigenze delle persone con disabilità, per surfare da sdraiati, maniglie e una forma anatomica.

L’emozione del surf

Il surf è una disciplina che anche i film hanno raccontato esser fatta di emozioni forti, di coraggio, di scoperta e di condivisione quando si torna a riva e a pensare alla storia dell’indigeno Federico e dei suoi amici che in questo momento stanno facendo vivere emozioni prima impensabili per chi non poteva surfare, tornano utili le parole che scrisse sul suo diario di bordo un navigatore inglese, James Cook, che nel 1777 a Tahiti vide surfare un uomo per la prima volta: «Mentre osservavo quell’indigeno penetrare su una piccola canoa le lunghe onde a largo di Matavai Point, non potevo fare a meno di concludere che quell’uomo provasse la più sublime delle emozioni nel sentirsi trascinare con tale velocità dal mare» e oggi queste emozioni, grazie ai 50 anni di Federico e ai suoi 600 amici, possono essere vissute veramente da tutti.
(corriere.it)

Annunci

Con il surf la disabilità scivola via

Standard

Il surf può essere un vero e proprio toccasana per i giovani affetti da disabilità mentali. Perché aiuta i piccoli pazienti a recuperare l’autostima, a sentirsi integrati, a riconoscere i propri bisogni fisici, a gestire l’ansia. Ma non solo. Il test, realizzato dall’ONG inglese The Wave project, ha anche provato come l’atteggiamento di coloro che si trovano a contatto con chi è affetto da disabilità sia sensibilmente migliorato. Questa terapia sperimentale si avvale di un team di volontari, ciascuno assegnato a ogni singolo partecipante per soddisfare le specifiche esigenze di ognuno, nonché di istruttori professionisti. Il cui programma prevede in genere sessioni di un paio d’ore due volte a settimana in piccoli gruppi. Alla luce di questi primi buoni risultati l’ONG d’Oltremanica ha ottenuto dal sistema sanitario nazionale un finanziamento per attivare un progetto pilota. Che prevede corsi per bambini e ragazzi dagli 8 ai 21 anni sulla base di una vera e propria prescrizione medica. Con il surf la disabilità scivola via
(west-info.eu)

di Giovanni Cupidi